PROVINCIA DI TERNI, DOMANI IN VISITA 26 AMBASCIATORI AFRICANI

Feliciano Polli
Feliciano Polli
Feliciano Polli

Nell’ambito del programma “Italia-Africa” predisposto dal Ministero degli affari esteri per intensificare la collaborazione con i paesi del continente africano, la Provincia di Terni ha promosso e organizzato, insieme al ministero stesso, per domani una visita di 26 ambasciatori di stati africani ad alcuni insediamenti produttivi del territorio provinciale.

I diplomatici, accompagnati dal direttore centrale per la Cooperazione economica e finanziaria multilaterale, ministro Raffaele de Lutio, saranno ricevuti dal presidente della Provincia Feliciano Polli che li accompagnerà, insieme al ministro de Lutio e agli altri funzionari del ministero, nella visita in alcuni siti industriali del territorio particolarmente impegnati nel riuso di materiali, nei prodotti innovativi e nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

La delegazione degli ambasciatori visiterà l’area industriale di Nera Montoro, in particolare gli impianti produttivi per il riuso di pneumatici fuori uso della soc. Terni Energia spa, il biodigestore della Green Asm srl, gli impianti produttivi dalla Genera spa (biomassa solida–produzione biogas da coltivazioni agricole–trattamento e selezione rifiuti) e, a Terni, gli impianti per la produzione del mater-bi della Novamont.

“L’iniziativa – afferma il presidente della Provincia Feliciano Polli – frutto di un importante lavoro di preparazione tra la Provincia di Terni e il Ministero per gli affari esteri, ha lo scopo di far conoscere ai rappresentanti dei paesi africani in fase di rapido sviluppo, alcune delle realtà innovative presenti nel nostro territorio e riguardanti il trattamento e il riutilizzo di rifiuti, le biomasse, la produzione di energia da fonti rinnovabili e la produzione di sacchetti biodegradabili utilizzando materie prime “verdi”. La visita è stata tarata su questo tipo di settori per via delle esigenze che gli ambasciatori hanno evidenziato, essendo quei paesi interessati da questo tipo di problematiche che potrebbe trovare risposte dalle importanti esperienze maturate nel nostro territorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*