Province: tavolo permanente sindacati Parlamentari

Sottoscritta intesa in Regione su percorso negoziato e zero esuberi

Provincia, approvato a maggioranza lo schema di bilancio di previsione 2015
Palazzo della Provincia Perugia

Creare un filo diretto tra sindacati, rappresentanti dei lavoratori delle Province e governo nazionale attraverso l’istituzione di un tavolo permanente che accompagni il percorso di conversione in legge del decreto 78 sugli enti locali: è questo l’impegno preso dal gruppo di parlamentari umbri che oggi, 20 luglio, ha incontrato presso la Camera del Lavoro di Perugia i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, delle categorie del pubblico impiego e delle Rsu degli enti interessati al processo di riordino istituzionale in Umbria. All’invito dei sindacati hanno risposto i parlamentari Valeria Cardinali (Pd), Walter Verini (Pd), Giampiero Giulietti (Pd) Gianluca Rossi (Pd), presenti personalmente, e Nadia Ginetti (Pd) e Linda Lanzillotta (Pd), che hanno inviato i propri collaboratori.

Raffaella Chiaranti e Vincenzo Sgalla, per la Cgil, Ubaldo Pascolini per la Cisl e Claudio Bendini per la Uil, insieme ad alcuni rappresentanti sindacali provinciali e delle Rsu di Perugia e Terni, hanno illustrato gli elementi di criticità che permangono nel percorso di riforma, con particolare riferimento alla situazione dei centri per l’impiego, della polizia provinciale e dei lavoratori ex Anas, chiedendo che in sede di conversione del decreto i parlamentari umbri, insieme ai loro colleghi delle altre regioni, intervengano per sanare quegli aspetti che continuano a creare forte preoccupazione tra le lavoratrici e i lavoratori coinvolti.

Da parte loro, i parlamentari umbri hanno riferito di aver già presentato alcuni emendamenti sui temi in questione, in particolare per garantire le risorse necessarie alla sostenibilità del percorso di riforma, e si sono detti fiduciosi sulla possibilità di accoglimento degli stessi in sede parlamentare, a partire dalla necessaria proroga dei tempi per l’approvazione dei bilanci delle Province.

“Possiamo dire che la giornata di oggi rappresenta un primo tassello importante nella costruzione di quel percorso negoziato che deve necessariamente accompagnare il processo di riforma – affermano Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria – Prima del confronto con i parlamentari, infatti, in mattinata, dopo una serie di incontri nelle ultime settimane, si è raggiunta un’intesa quadro con la Regione dell’Umbria sull’attuazione della legge regionale sul riordino istituzionale. L’assessore Bartolini – continuano i tre sindacati umbri – ha accolto la proposta delle organizzazioni sindacali di istituire tavoli permanenti e specifici, tra gli stessi sindacati, i rappresentanti delle Rsu coinvolte e i presidenti delle due Province, per governare il processo di riordino con l’obiettivo di garantire migliori servizi ai cittadini e zero esuberi di personale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*