Politiche di bilancio dei Comuni, incontro della Cisl

ulderico-sbarraLe politiche di bilancio dei Comuni devono essere all’insegna dell’equità e di un’attenzione nuova alle politiche per il lavoro e i servizi sociali”. E’ quanto è emerso da un incontro sindacale organizzato dalla Cisl dell’Umbria, d’intesa con il sindacato dei pensionati e funzione pubblica, con tutti gli operatori e dirigenti sindacali impegnati a gestire la contrattazione con i comuni umbri sulle scelte di bilancio 2014 in scadenza il 30 luglio.

L’incontro è stato introdotto dal segretario regionale Claudio Ricciarelli il quale ha posto con forza l’esigenza di una profonda innovazione nella impostazione dei bilanci comunali, innovazione imposta anche dal contesto nuovo delle politiche di finanza locale dei comuni e della necessità di operare scelte selettive e coraggiose in materia di riqualificazione della spesa pubblica, di nuove entrate, di selettività nell’accesso alle agevolazioni sociali, di investimenti utili a riattivare la crescita economica, la creazione di lavoro e di contrasto alle diseguaglianze sociali mai così evidenti.

Ricciarelli ha insistito sulla necessità di rendere più equo, anche attraverso l’affermazione di un principio di progressività, il sistema fiscale comunale e di adeguare le fasce di esenzione per tutelare al meglio i redditi medi bassi.

Relativamente alla nuova tassa Iuc (Imposta unica comunale), la Cisl propone di contenere al minimo (1 per mille) l’aliquota relativa ai servizi indivisibili (Tasi) mentre per la dinamica della aliquota relativa alla nuova tassa sui rifiuti (Tari) si chiede di contenerla, rispetto alla precedente Tares, nei limiti dell’inflazione e di prevedere in ogni caso sistemi premiali, per cittadini e famiglie, utili a favorire la raccolta differenziata e il riutilizzo.

Alcuni comuni hanno fatto scelte inaccettabili sulla Tari, incrementandone a dismisura l’aumento rinunciando, nel contempo, ad avviare un processo di riorganizzazione e efficientazione di questo servizio teso anche a ridurre i livelli di smaltimento con un più diffuso sistema di raccolta differenziata.

Ricciarelli ha infine posto l’esigenza di qualificare al meglio i servizi sociali a partire da un potenziamento dei servizi per l’infanzia mentre dal sindacato dei pensionati è stata posta la esigenza di una gestione condivisa del Fondo per la non autosufficienza e servizi sociali più attenti alla fascia di popolazione più anziana e con più bassi redditi.

L’incontro è stato concluso dal segretario generale regionale Cisl Umbria Ulderico Sbarra il quale ha posto l’accento in particolare sulla necessità di una azione anche dei comuni al contrasto alla evasione ed elusione fiscale non solo per promuovere più giustizia ed equità ma anche per recuperare risorse da parte dei comuni da destinare alla riduzione della pressione fiscale e al potenziamento dei servizi sociali.

Sbarra ha insistito anche sulla riduzione dei costi impropri della politica a partire dai costi abnormi del Consiglio regionale e della necessità di una riorganizzazione istituzionale che, semplificando il sistema, liberi risorse pubbliche per riattivare la crescita economica e il lavoro in Umbria che rimane, per la Cisl, il problema principale.

L’incontro è stato caratterizzato anche dalla presenza della responsabile del dipartimento nazionale Cisl per le politiche fiscali Paola Serra che ha illustrato nel dettaglio tutte le novità intervenute, con la Legge di stabilità 2014, in materia di politiche fiscali e tributarie del sistema delle autonomie locali e dei margini di contrattazione sindacale possibile nell’applicazione dei nuovi e vari strumenti di imposizione affidati ai comuni.

A conclusione dell’incontro è stata rimarcata l’esigenza di sollecitare sindaci vecchi e/o nuovi a promuovere gli incontri richiesti unitariamente da tempo dal sindacato, evitando di assumere scelte di bilancio 2014 senza un preventivo confronto con le parti sociali e una partecipazione effettiva dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*