Piano telematico regionale 2014-2016, entro maggio l’adozione

internetUMBRIA – Sarà adottato dalla Giunta regionale entro il mese di maggio il Piano Telematico 2014-2016, che sarà poi trasmesso al vaglio del Consiglio regionale. Lo comunica l’assessorato regionale alle infrastrutture tecnologiche ed immateriali, dopo l’approvazione da parte dell’Assemblea legislativa della regione Umbria della Legge 31 che ha individuato proprio nel Piano Telematico regionale lo strumento di programmazione per il settore.

In particolare, la Regione ricorda che “il Piano telematico, che ha validità triennale, costituisce il quadro di riferimento per lo sviluppo della rete pubblica regionale e definisce, in particolare, le strategie per assicurare la realizzazione e la gestione di una adeguata rete pubblica regionale e di altre infrastrutture tecnologiche per telecomunicazioni a banda larga; gli interventi da realizzare, in coerenza con il documento annuale di programmazione (DAP), con gli altri strumenti di programmazione e pianificazione regionale e con la programmazione europea e statale”.
Nel DAP 2014-2016, proposto dalla Giunta Regionale, si pone l’accento sul fatto che il salto tecnologico e culturale verso gli scambi digitali è un’occasione unica per superare l’isolamento storico dell’Umbria, perché per cogliere nuove opportunità, oggi serve far viaggiare le idee più che le merci e le persone. Con questa convinzione la Regione sta lavorando per il superamento del divario digitale – fisico e culturale dell’Umbria: un’azione che, ricorda l’assessorato regionale, ha il proprio fondamento nell’idea di internet come occasione di crescita ma anche come diritto, e che ha come obiettivo quello di assicurare alla comunità regionale – pubblica amministrazione, imprese e cittadini – una rete efficiente su cui far transitare servizi, informazioni, idee, opportunità.

In questa ottica, prosegue l’assessorato, l’Agenda digitale dell’Umbria ha individuato cinque missioni fondamentali: il potenziamento delle infrastrutture digitali, lo sviluppo della piena cittadinanza e dei diritti esigibili in digitale, la diffusione di competenze digitali e quindi l’inclusione digitale, l’aumento attraverso l’ICT dello sviluppo del sistema delle imprese, la digitalizzazione nei settori della qualità della vita e della salute. Il Piano Telematico diviene quindi uno strumento fondamentale per l’attuazione della nuova legge umbra sulle infrastrutture per la telecomunicazione, tra le primissime adottate a livello regionale, una legge che muove dal riconoscimento del diritto di tutti cittadini di accedere a internet quale fondamentale strumento di sviluppo umano e di crescita economica e sociale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*