PERUGIA, PREFETTURA E COMUNE, REPRESSIONE CRIMINALE CONTRAFFAZIONE

Lotta alla contraffazione
Lotta alla contraffazione
Lotta alla contraffazione

(umbriajournal.com) PERUGIA – Il Prefetto di Perugia, Antonio Reppucci, e il Sindaco della città , Vladimiro Boccali, hanno oggi sottoscritto in Prefettura un Protocollo d’Intesa per il Contrasto e la Repressione del Commercio abusivo in occasione della Fiera dei Morti, evento che tradizionalmente richiama nel capoluogo Umbro un numeroso pubblico.

Il documento, che si pone nel quadro del progetto del Comune di Perugia “Cultura è anche Legalità: Azioni Integrate di Contrasto al Fenomeno della Contraffazione”, mira, in particolare, a sviluppare una specifica collaborazione tra le Forze di Polizia a competenza generale e la Polizia Municipale di Perugia in occasione della grande manifestazione della Fiera dei Morti, che ha negli anni fatto rilevare l’incremento sia dei venditori abusivi che dei prodotti contraffatti.

“La contraffazione – ha dichiarato il Prefetto Reppucci – costituisce uno di quei reati, che, pur non essendo percepito come di particolare allarme sociale, incide in maniera fortemente negativa sul tessuto economico locale nel suo complesso, nuocendo non solo alle imprese virtuose, ma anche ai consumatori”. “Con l’odierno Protocollo – prosegue Reppucci – abbiamo voluto dotarci di un ulteriore strumento per una lotta a 360 gradi alle diverse forme di illegalità”.

Nello specifico, la Prefettura si impegna a dare impulso e a promuovere il coordinamento delle Forze di Polizia a competenza generale, affinché assicurino, nei giorni della Fiera, i servizi di identificazione dei soggetti ed i controlli necessari ad intercettare l’arrivo da altre città di eventuali venditori abusivi o di prodotti contraffatti. Dal canto suo, il Comune provvederà, attraverso la Polizia Municipale, ad effettuare controlli puntuali e mirati controlli, anche a carattere preventivo, assicurando nell’area di fiera la costante presenza di operatori del Corpo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*