PERUGIA, ISTRUZIONE – BALDELLI (PRC): PROBLEMI UNIVERSITA’ DI PERUGIA

Rettore Giovanni Paciullo
Rettore Giovanni Paciullo
Rettore Giovanni Paciullo

(umbriajournal.com) PERUGIA –  “E’ stato foriero di spunti interessanti l’approfondimento, avuto oggi in III Commissione , sulla situazione dell’Università a Perugia, a partire da un Ordine del Giorno del Consigliere Biagiotti, al quale va il merito di aver stimolato un dibattito assolutamente necessario – afferma in una nota il capogruppo provinciale PRC, Luca Baldelli –  La presenza del Rettore dell’Università per Stranieri Paciullo ha consentito una disamina attenta, scrupolosa e completa dei problemi sul campo : particolare attenzione è stata posta sulla capacità attrattiva dell’Università nel suo complesso, una capacità attrattiva e una centralità che scontano la penalizzazione derivante dalla proliferazione di indirizzi universitari in tutta Italia da 20 anni a questa parte .

Si è centrata l’attenzione sulla necessità di migliorare l’accoglienza degli studenti nel nostro territorio, per quanto concerne strutture ricettive e residenze . Si è dedicato spazio alla gran mole di progetti e programmi che vedono l’Università degli Stranieri protagonista : da quello “ Marco Polo “, con la Cina, realtà emergente, fino a quello “ Meridium “, passando per gli accordi sottoscritti con gli Atenei del bacino del Mediterraneo . Rilanciare l’Università di Perugia, la sua capacità di attirare studenti, significa impegnarsi a tutti i livelli affinchè si creino le condizioni per una rinascita partecipata da tutta la Città , da tutta la Provincia e da tutta la Regione in ogni campo. Nessun comodo trincerarsi dietro al recinto delle competenze può essere accettato, in tal senso : chi ha più filo tessa ! La III Commissione da me presieduta  ha dedicato diverse sedute dal 2009 ad oggi sui problemi dell’Università, stimolando costantemente la Giunta e facendo in modo che venissero intessuti rapporti qualificati tra Provincia e Ateneo , utili anche all’esercizio delle competenze e delle funzioni in capo alla Provincia, basti pensare (un esempio per tutti )  alla collaborazione in forma di convenzione di ricerca stipulata con il Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale. Tutti i consiglieri intervenuti al dibattito hanno offerto un contributo di altissima qualità in termini di proposte e riflessioni.

L’iter del confronto andrà avanti, ma è a mio giudizio irrinunciabile tener conto anche e soprattutto di un aspetto più generale, legato alle dinamiche nazionali della politica della pubblica istruzione : in questi ultimi anni i vari Governi comunque “ colorati “ , di centrodestra o tecnici, hanno tagliato 10 miliardi di euro alla scuola pubblica . Come si può pensare che gli Atenei, oggetto di una strabica politica fatta di tagli selvaggi ai danni anche dei più virtuosi per un verso, dalla tutela delle clientele e delle baronie per un altro, potranno salvarsi da questo vortice ? Ecco perché diventa importante la partecipazione, al nostro iter di confronto e approfondimento, anche del livello nazionale con il contributo di parlamentari e sottosegretari . In questo senso ci muoveremo nelle prossime settimane, portando avanti le proposte contenute nel documento originario, arricchite e integrate dal dibattito”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*