Perugia 2019, il racconto della sua dimensione europea

Logo Candidatura

Un grande lavoro di scambio internazionale su cui si poggia la candidatura di Perugia 2019 è quello presentato in mattinata durante una conferenza stampa di presentazione nella sede della Fondazione Perugiassisi 2019 dal presidente Bruno Bracalente, la direttrice Loredana De Luca e parte dello staff composto da Maryia Borisova, Adina Curta e Giulia Paciello.

L’oggetto della conferenza stampa è stata infatti la parte relativa ai rapporti che Perugia e l’Umbria hanno costruito con città europee candidate o già titolate rispetto al titolo di Capitale europea della Cultura.

Nell’arco degli ultimi 4 anni si sono creati rapporti con l’estero che vanno oltre la candidatura, rapporti che sono una ricchezza per Perugia, in quanto da essi sono nati dei progetti validi e importanti a livello internazionale che noi cercheremo di realizzare indipendentemente dall’esito della Candidatura. Uno dei principi fondamentali a cui l’Europa tiene moltissimo e su cui è stata costruita la candidatura di Perugia è proprio quello di instaurare rapporti umani e conoscenze dirette perché, è vero, la rete oggi è lo strumento più potente che riesce a collegare tutto il mondo ma mai potrà sostituire quel gesto di fratellanza dato da una stretta di mano

Come ha ricordato Bracalente “quella della dimensione europea è una parte fondamentale del progetto Perugia 2019. Nel dossier finale, depositato una settimana fa al Mibact, la sezione inerente è stata approfondita come indicato dalla commissione”.

Ad implementare questa parte i 24 progetti in collaborazione con la Bulgaria e quindi anche con Plovdiv, appena decretata Capitale europea della cultura, l’unica tra le ex candidate bulgare, che con Perugia ha anche in comune il fatto di poter contare su una Fondazione.

“All’estero Perugia 2019 risulta una candidatura seria e tutti si augurano che la nostra città, insieme ad Assisi e l’Umbria, possa essere la vincitrice per l’Italia” ha sostenuto De Luca.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*