Pericolose buche, consiglieri regionali centrodestra presentano mozione

pericolose buche

“Un progetto legislativo e sperimentale per creare strade sponsorizzate, sul modello di quanto già avviene per le rotonde, al fine di migliorare le manutenzioni e riparazioni di pericolose buche e avvallamenti”. Claudio Ricci (portavoce centrodestra e civiche) e i consiglieri Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini (Lega nord), Raffaele Nevi (Forza Italia), Marco Squarta (Fratelli d’Italia) e Sergio De Vincenzi (Ricci presidente) hanno presentato una mozione all’Assemblea legislativa dell’Umbria per impegnare la Giunta regionale affinché: “esplori il quadro normativo al fine di predisporre un progetto di legge regionale (come modello nazionale) che promuova sperimentazioni, in linea con quanto già realizzato per le rotonde stradali, al fine di consentire a privati di intervenire nella manutenzione di tratti stradali in cambio di cartelli pubblicitari definiti, per grandezza e modalità, in linea con il codice della strada e/o chiedendo, per l’obiettivo indicato, specifiche modifiche normative su scala nazionale. Inoltre auspichiamo di programmare un tratto sperimentale, scegliendo una infrastruttura stradale prototipo, dove provare tale modello tecnico normativo di intervento”.

Ricci spiega quindi che “la proposta prende atto della difficile situazione economica di enti pubblici comunali, provinciali e regionali, che porta al pericoloso decadimento delle manutenzioni stradali nonché a forti ritardi nella riparazione di buche e avvallamenti, in strade urbane e extraurbane. Risulta quindi urgente intervenire, rispetto ad una problematica che si riscontra in tutta Italia, che incide sulla sicurezza stradale e anche sulla manutenzione degli autoveicoli con crescenti costi per le persone e le istituzioni pubbliche. Una idea-progetto, ci auguriamo interessante – conclude Ricci -, anche ai fini di una sperimentazione nazionale, che coinvolga il ministero per le Infrastrutture e Trasporti, utile a Comuni, Province e Regioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*