PD Bori scrive al Sindaco Romizi: “Perché lasciar mentire così?”

Il bando non assegna le case agli italiani: un migrante che risiede a Perugia da 15 anni ha la priorità rispetto ad un italiano che si trasferisce nella nostra città da Olmo o Torgiano, come da Milano o Roma

PD Bori scrive al Sindaco Romizi: “Perché lasciar mentire così?”  – Lettera aperta del Consigliere PD Tommaso Bori al Sindaco Andrea Romizi

Caro Sindaco, scrive il Consigliere PD Tommaso Bori al Primo Cittadino, il giorno del suo insediamento hai giurato sulla Costituzione, dinnanzi al Consiglio Comunale, di “adempiere le tue funzioni con disciplina e con onore”. Ho pensato a lungo se scriverle questa lettera, alla fine la mia coscienza non mi ha permesso di tacere. Queste righe non vanno lette come un attacco personale, ma al contrario sono dettate dalla volontà, anzi dalla necessità di ristabilire la verità delle cose.

In questi giorni molti stanno festeggiando su una menzogna: lo stanno facendo i redivivi gruppi di estrema destra come Forza Nuova, Casa Pound e Fronte Nazionale. Ma non solo, anche i partiti della destra populista che fanno parte della sua maggioranza di governo, come la Lega Nord e Fratelli d’Italia. Tutti loro stanno mentendo ai perugini: la notizia, falsa ma molto rilanciata, sarebbe che da oggi gli italiani avrebbero la priorità nelle graduatorie per le case popolari. Peccato che sia, appunto, una menzogna.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso non è questa, non mi stupisce infatti un uso strumentale di notizie distorte da parte di questi soggetti, quotidianamente dediti all’accattonaggio. Di voti.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, costringendomi a scrivere queste righe, è stata il vedere la sua faccia di Sindaco associata ad una menzogna. Con i referenti del suo partito impegnati a diffonderla in maniera capillare tra i perugini e a mezzo stampa tramite comunicati ufficiali.

È difficile pensare tutto ciò sia stato fatto a sua insaputa. E se così fosse perché questo assordante silenzio di fronte ad una strumentalizzazione simile, arrivata ad utilizzare anche la sua immagine?

Dunque, perché mentire così ai propri concittadini?

Lei sa, deve saperlo, che nel Comune che rappresenta gli italiani non hanno alcuna priorità nelle graduatorie per le case popolari. Nessuna. Eppure rimane nel suo abituale silenzio, permettendo ad altri di fare il “lavoro sporco”.

La priorità ad oggi esattamente come ieri, dato che è prevista da sempre, è esclusivamente sulla base della residenza. Mai della cittadinanza, né tantomeno dell’etnia.

Aumentando la residenza a 15 anni nel Comune di Perugia ed inserendola tra le “situazioni di disagio” avete prodotto due conseguenze, paradossali:

  • la prima è che un migrante che risiede a Perugia da 15 anni ha priorità rispetto ad un italiano che si trasferisce nella nostra città da Olmo o Torgiano, come da Milano o Roma. Senza i tanti giovani e famiglie costrette a trasferire la residenza per lavoro all’estero o in altre città d’Italia che perdono ogni diritto in caso di rientro.
  • la seconda è che prevedendo il risiedere a Perugia come una “situazione di disagio” (alla stregua della disabilità, della disoccupazione o delle difficoltà economiche) state esponendo il Comune ad una serie di ricorsi fondati che, se accolti, rischiano di bloccare l’assegnazione delle case popolari e di danneggiare tutti i cittadini che ne abbiano fatto richiesta. Il tutto per fare propaganda e ottenere un paio di titoli di giornale sulla pelle di chi è in difficoltà e ha bisogno di una casa.

In un periodo di crisi economica, in cui molte famiglie si sono viste scaraventate dal ceto medio alla soglia di povertà, in una città in cui c’è un’emergenza abitativa che vede da un lato tante case sfitte ed invendute e dall’altro un numero crescente di sfratti, è giusto soffiare così sul fuoco? È giusto acuire il conflitto sociale per interessi di parte o di partito?

È un comportamento etico e moralmente accettabile fare campagna elettorale sulle difficoltà delle persone manipolando i loro sentimenti con informazioni distorte e falsate che alimentano soltanto una guerra tra poveri, magari in cambio di qualche voto?

3 Commenti su PD Bori scrive al Sindaco Romizi: “Perché lasciar mentire così?”

  1. Be caro consigliere Bori la lettera dovrebbe scriverla al suo sindacato di riferimento che ha alzato il polverone e comunque l’iniziativa fatta dal sindaco è un piccolo passo per dare dignità a NOI ITALIANI.

  2. Consigliere Bori si è permesso e non si deve più permettere di collocare il Fronte Nazionale come estrema destra. Prima di aprire bocca si informi sul Fronte Nazionale e del nostro slogan alternativi alla destra e alla sinistra, lei dirà ma siete a destra allora. NO, noi siamo solo Italiani. Per il futuro la invito ad evitare di dire idiozie per farsi pubblicità. Questa e la prima è l’ultima volta che dico a lei che noi non siamo di estrema destra.

  3. Ma questo Bori non è di quel partito che col suo “capò”ha comprato da sempre voti con oboli di ogni sorta voti da due anni?? Anche se fose, e non mi pare, da che pulpito!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*