Primi d'Italia

MURA DI CITTA’ DI CASTELLO, LIGNANI INTERROGA LA GIUNTA

Terremoto 1997, dodici milioni ai comuni
Palazzo Donini

“La giunta assicuri fondi per il restauro delle mura urbiche tifernati”. E’ quanto chiede il consigliere regionale di Fratelli d’Italia che ha presentato un’interrogazione all’esecutivo di Palazzo Donin in cui chiede “quali passi si intendano compiere per garantire la sistemazione definitiva dei tratti di mura urbiche tifernati che necessitano realmente ed urgentemente di restauro”.

Lignani Marchesani parte dal “crollo di una porzione delle mura di Città di Castello avvenuto il 15 febbraio, un evento probabilmente causato anche dalle intense precipitazioni atmosferiche delle settimane precedenti. Un evento che ha costituito un grave pericolo per i cittadini che si trovavano nelle vicinanze e per gli stessi residenti della zona”. L’esponente dell’opposizione evidenzia poi che “recentemente è stato finanziato tramite il ‘Puc 2’ e poi realizzato il restauro di una delle porte delle mura urbiche tifernati (Porta Santa Maria), la cui cerimonia di riconsegna alla città, alla presenza delle massime autorità regionali, è avvenuta casualmente il giorno precedente al crollo. Il tratto di mura interessato dal progetto di riqualificazione non era certamente tra quelli che necessitavano di un intervento urgente, rappresentando nei fatti più un intervento di immagine che di reale sostanza. Inoltre, a seguito della rovina delle mura, il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici di Città di Castello sono tornati a richiedere alla Regione Umbria finanziamenti per la messa in sicurezza ed il restauro del tratto di mura caduto, nonché di altre porzioni attualmente in cattivo stato di conservazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*