Marini, conti Umbria a posto in tempo di tagli

Catiuscia Marini

marini-1(umbriajournal.com) PERUGIA – ”Noi ci muoviamo dentro un’ottica di politiche nazionali orientate al consolidamento fiscale e dei conti pubblici, che si e’ scaricato principalmente sulle Regioni, non solo riducendo o azzerando trasferimenti statali e quant’altro ma anche determinando un aumento della pressione fiscale regionale dopo il trasferimento di funzioni delegate senza pero’ una conseguente riduzione della pressione fiscale a livello centrale”: lo ha detto la presidente della giunta regionale, Catiuscia Marini, illustrando stamani in consiglio la relazione sull’attivita’ di governo nel 2012.
”Circa 364 milioni di euro in meno rispetto al 2010: questi i tagli – ha riferito Marini – subiti dall”Umbria in base alle varie manovre finanziarie nazionali. La pressione fiscale regionale e” rimasta inalterata dal 2000 al 2011 sia per Irap sia per Irpef. I conti della sanita’ – ha sottolineato – sono in equilibrio per la gestione oculata delle finanze e anche attraverso la ristrutturazione servizi”.
Le azioni condotte dalla Regione alla luce dei tagli ”riguardano, per esempio, sia la riduzione della spesa
pubblica, dei consigli d”amministrazione e dei loro costi per gli enti di competenza regionale, sia la riduzione consistente delle spese per il personale con anche il blocco del turn-over (meno cinque milioni di costi rispetto a esercizi precedenti)”.
Secondo Marini, ”entro il 2015 l’Umbria su tutti i programmi operativi europei rispettera’ gli obiettivi con il pieno utilizzo delle risorse”.
”Quattro provvedimenti importanti” attuati nel 2012 sono stati elencati dalla presidente: ”la legge sul trasporto pubblico locale, la soppressione dell’Apt, la riduzioni a un unico ambito per la gestione delle risorse idriche, l’avvio dell’agenzia forestale e degli atti legati all’agenda digitale”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*