Primi d'Italia

Legge contro omofobia, a Perugia manca numero legale salta seduta, bagarre in aula [VIDEO]

I consiglieri di opposizione hanno quindi espresso la loro contrarietà

Legge omofobia, a Perugia manca numero legale salta seduta, bagarre in aula [VIDEO] PERUGIA – La presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi ha dovuto interrompere la seduta odierna poco dopo le ore 13, per mancanza del numero legale. In Aula stava iniziando la discussione della proposta di legge “Norme contro le discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale” ed era già stata illustrata, dal consigliere Attilio Solinas (firmatario dell’atto con Chiacchieroni e Leonelli del Pd), la relazione di maggioranza, quando il consigliere Sergio De Vincenzi (RP) ha chiesto la verifica del numero legale. Erano assenti giustificati fin dall’inizio dei lavori la presidente Catiuscia Marini e i consiglieri Carla Casciari, Marco Vinicio Guasticchi-PD e Raffaele Nevi-FI, mentre altri hanno abbandonato l’Aula durante i lavori. La seduta è stata tolta. Già in apertura, il consigliere Sergio De Vincenzi (Rp) aveva ribadito la “illegittimità dell’iscrizione dell’atto all’ordine del giorno, in quanto non provvisto di norma finanziaria poiché il testo fa riferimento a risorse per l’anno 2016, ora non più disponibili”.

La presidente Porzi ha risposto che gli uffici dell’Assemblea legislativa hanno rilasciato un parere tecnico sulla legittimità dell’iscrizione dell’atto, “resa possibile avendo attualizzato la norma finanziaria e avendola resa coerente con il bilancio attuale”. I consiglieri di opposizione hanno quindi espresso la loro contrarietà: per De Vincenzi “si vuole calpestare l’istituzione con un tecnicismo inammissibile a norma di regolamento”; per Squarta (FDI) si tratta di una “forzatura inaccettabile che rischia di introdurre il principio che si possono approvare leggi anche senza la copertura finanziaria”; per Liberati (M5s) “nonostante la posizione favorevole alla legge, se la maggioranza non ha i numeri non può certo contare sul nostro sostegno”. Si è dunque proceduto, su proposta di Solinas, allo svolgimento delle relazioni sull’atto, in attesa di ricomporre il numero legale in Aula, cosa che non è avvenuta, quindi è stata letta solo la relazione di maggioranza, da parte dello stesso Solinas, prima dell’interruzione definitiva della seduta.

LA RELAZIONE DI MAGGIORANZA: Solinas ha spiegato che la proposta di legge “si propone di affrontare le problematiche legate alle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, e di indicare soluzioni concrete mediante l’elaborazione di un programma di interventi volti al raggiungimento dell’uguaglianza delle persone a prescindere dal loro orientamento sessuale e dalla loro identità di genere. Anche sulla scia dei gravissimi episodi di omofobia e transfobia che si sono recentemente verificati, ormai è diventato indispensabile affrontare un problema che da tempo denunciano le associazioni rappresentative dei diversi orientamenti sessuali e delle diverse identità di genere. Con queste norme si intende mettere la nostra regione nella condizione di dare attuazione, nei limiti delle sue competenze, ai principi e alle raccomandazioni provenienti dalle istituzioni europee, nella consapevolezza che la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere rappresentano un significativo impegno politico, sociale e legislativo. La proposta di legge è frutto di un lungo lavoro di confronto in sede di sottocommissione e successivamente in sede di commissione, ove sono stati esaminati e vagliati attentamente anche i numerosi contributi provenienti da parte dei soggetti coinvolti, talvolta portatori di interessi contrapposti, i quali comunque sono stati presi in considerazione e hanno trovato puntuale riscontro nel testo definitivo, elaborato secondo un equilibrato contemperamento, resosi peraltro necessario anche per migliorare le norme laddove le stesse si presentavano poco chiare e lacunose. Occorre premettere che abbiamo lavorato anche sulle definizioni, poiché alcune associazioni rappresentative dei diversi orientamenti sessuali e delle diverse identità di genere avevano fatto presente che, ai fini di una migliore comprensione del testo, occorreva chiarire il significato di “orientamento sessuale” e, soprattutto, di “identità di genere”. Si è deciso quindi di introdurre una disposizione definitoria, anche se, a seguito di ulteriori approfondimenti, alla luce della circostanza che a livello statale ancora non sono state adottate tali definizioni, anche al fine di scongiurare eventuali problematiche di illegittimità costituzionale ho ritenuto di presentare un emendamento per la soppressione del comma 1 bis che introduce la definizione di identità di genere e di orientamento sessuale”.

Palazzo Donini su assenza Presidente Marini: In merito al rinvio della seduta odierna del Consiglio regionale per mancanza del numero legale, Palazzo Donini ha comunicato che la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, aveva informato con largo anticipo la presidente dell’Assemblea Legislativa, Donatella Porzi, che sarebbe stata presente non appena conclusi gli impegni a Roma per le questioni legate al sisma. Stamani infatti, dalle ore 11 alle 13,20, la presidente Marini è stata impegnata in una riunione con il presidente del Consiglio dei ministri e i presidenti delle Regioni, per affrontare le tante problematiche post terremoto. La presidente Marini aveva comunque assicurato la sua presenza in Consiglio regionale nella seconda parte della giornata.

ANDREA LIBERATI: Negli ultimi 15 giorni la maggioranza in Regione Umbria non ha trovato un accordo minimo nel suo seno: e anche oggi non c’erano i numeri in Aula. Mancava il numero legale, poiché i membri di maggioranza erano 10 su 21: nemmeno il minimo sindacale, come non di rado avvenuto fin qui. Avremmo votato la legge sull’omofobia, ma Catiuscia Marini era assente: eppure poteva tranquillamente spedire l’assessore esterno a Roma -per l’ennesima riunione sul terremoto, finora gestito a suon di annunci. Se la Marini -fatto già accaduto in passato- avesse delegato un membro esterno della Giunta (questi non è computato ai fini del numero legale), la presidente avrebbe consentito, con la sua presenza, la discussione della legge. Con ogni evidenza non c’è stata la volontà, al di là di parole, annunci, grafiche sui social, ma solo la cinica pretesa di tenere saldamente i piedi su due staffe, nonostante impegni assunti addirittura da 10 anni. Il PD sia per una volta responsabile e riporti in Aula la legge, con tutti i crismi, fugando i residui dubbi sul piano procedurale, in modo da assicurare il rispetto delle regole democratiche, a garanzia di ognuno.

CLAUDIO RICCI: Sono sempre stato, anche cosmicamente parlando, per la famiglia “naturalmente costituita” da uomo, donna e figli: il mondo è nato così e questa è la “naturale” antropologia della “razza umana”. Comunque, tutto questo, nel rigoroso rispetto di ogni pensiero (la libertà è il valore più prezioso) nonché facendo attenzione che ogni persona abbia “gli stessi diritti e non sia discriminata” in nessun modo e luogo (men che meno in relazione ai suoi orientamenti sessuali). Voterò “no” (e oggi sono uscito dall’aula, per far mancare il numero legale) alla Legge proposta in Umbria (in materia di discriminazioni) in quanto, pur in presenza di misure tese a salvaguardare i diritti delle persone e ogni discriminazione, emerge (in particolare sul piano educativo e culturale) una prevalente “prospettiva omosessuale” (sfiorando aspetti di “proselitismo”): bisognava, su questo punto, rimanere più “neutri” affidandosi alla libertà di ogni persona). Certamente hanno ragione coloro che, in questo pomeriggio (associazioni legate all’omosessualità), fuori da Palazzo Cesaroni (sede della Regione Umbria – Consiglio Regionale), chiedono alla “loro maggioranza” di prendere una decisione. In democrazia (malgrado la legge elettorale in Umbria abbia chiari presupposti di illegittimità) chi vince deve assumersi l’onere di governare e mantenere gli impegni presi (anche con le associazioni legate all’omosessualità). Altrimenti, con coerenza, come da mesi appare evidente in molti temi, considerare che la X Legislatura è ormai “declinante e conclusa”. Agli umbri (che “sfiorarono” il miracolo di cambiare la notte delle elezioni del 31 maggio 2015) diciamo che a breve il tanto atteso cambiamento ci sarà attraverso “competenza, credibilità e capacità di fare per il bene comune”.
GIANFRANCO CHIACCHIERONI E GIACOMO LEONELLI: “Sono stati impegni istituzionali a determinare la mancanza del numero legale in Aula quest’oggi per la discussione della legge anti omofobia, quello improvviso della presidente Marini a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Gentiloni e della consigliera Carla Casciari a Strasburgo”: lo affermano Gianfranco Chiacchieroni, capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, e Giacomo Leonelli, segretario e consigliere regionale Pd. “La legge per promuovere la cultura della non discriminazione delle persone sulla base del loro orientamento sessuale e della loro identità di genere, di cui siamo cofirmatari insieme al consigliere Solinas – proseguono Leonelli e Chiacchieroni –, una delle prime proposte che abbiamo avanzato in questa legislatura, ha comunque fatto un primo passo in Aula, proprio grazie allo svolgimento della relazione di maggioranza”. “Nella seduta convocata per il prossimo 4 aprile – concludono Chiacchieroni e Leonelli – contiamo di proseguire la discussione e di addivenire all’approvazione di questa importante legge che l’Umbria attende da anni, per favorire e supportare una coscienza collettiva che rifiuti l’omofobia, agendo lungo le fondamentali linee dell’istruzione, dalla formazione professionale e dell’integrazione sociale”.
CLAUDIO RICCI: “Voterò no, e oggi sono uscito dall’Aula per far mancare il numero legale, alla legge proposta in Umbria in materia di discriminazioni in quanto, pur in presenza di misure tese a salvaguardare i diritti delle persone e ogni discriminazione, emerge (in particolare sul piano educativo e culturale) una prevalente prospettiva omosessuale, che sfiora aspetti di proselitismo. Bisognava, su questo punto, rimanere più neutri, affidandosi alla libertà di ogni persona”: il consigliere regionale Claudio Ricci (RP) spiega la sua posizione sulla proposta di legge contro l’omofobia la cui discussione in Aula è saltata per mancanza del numero legale. “Sono sempre stato – spiega – per la famiglia naturalmente costituita da uomo, donna e figli: il mondo è nato così e questa è la naturale antropologia della razza umana. Comunque, tutto ciò nel rigoroso rispetto di ogni pensiero, nonché facendo attenzione che ogni persona abbia gli stessi diritti e non sia discriminata in nessun modo e luogo, men che meno in relazione ai suoi orientamenti sessuali”. “Certamente – prosegue – hanno ragione le associazioni legate all’omosessualità che oggi pomeriggio hanno manifestato fuori da Palazzo Cesaroni chiedendo alla ‘loro maggioranza’ di prendere una decisione. In democrazia, malgrado la legge elettorale in Umbria abbia chiari presupposti di illegittimità, chi vince deve assumersi l’onere di governare e mantenere gli impegni presi, quindi anche quelli con le associazioni legate all’omosessualità. Altrimenti, con coerenza, come da mesi appare evidente in molti temi, non si può che considerare che la X Legislatura come ormai ‘declinante e conclusa’. Agli umbri che sfiorarono il miracolo di cambiare la notte delle elezioni del 31 maggio 2015 – conclude – diciamo che a breve il tanto atteso cambiamento ci sarà, attraverso competenza, credibilità e capacità di fare per il bene comune”.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*