Il “Sistema Umbria” si promuove in Cina

Il “Sistema Umbria” si promuove in Cina, dal 15 al 20 Si intensificano i rapporti tra Umbria e Cina: dal 15 al 20 novembre il vicepresidente della Regione Umbria e assessore alla Competitività delle imprese, Fabio Paparelli, guiderà una missione a Chongqing e Chengdu, nel Sudovest della Cina, una delle realtà più dinamiche e popolose, che ha tra i principali obiettivi quelli di costruire nuove opportunità di interscambio fra le istituzioni, per le imprese umbre, per l’Università e il sistema formativo, per il turismo e verificare le possibilità di una futura edizione di Umbria Jazz a Shangai.

La missione è stata presentata stamani a Palazzo Donini, nel corso di un incontro al quale hanno preso parte il vicepresidente Paparelli, il presidente di Confindustria Umbria Ernesto Cesaretti, il direttore di Sviluppumbria Mauro Agostini e, per l’Università degli studi di Perugia, Elena Stanghellini del Dipartimento di Economia dell’ateneo.

“Diamo continuità al rapporto di collaborazione con il mondo delle imprese – ha rilevato Paparelli – per spingere sulla direttrice dell’internazionalizzazione con una nuova impostazione. Guardiamo a pochi mercati obiettivo, come appunto la Cina, affrontandoli in modo ‘aggressivo’ cioè presentandoci come sistema, come faremo in questa missione per creare opportunità di sviluppo ma anche attrarre investimenti da parte degli operatori di un distretto così importante”.

La missione è stata preparata con un intenso lavoro avviato nei mesi scorsi da una delegazione umbra che ha svolto un’azione di scouting a Chongqing, Chengdu e Shanghai, che ha permesso di individuare diverse aree di interesse, per poi trovare ulteriori momenti di definizione in occasione dell’Expo di Milano e nella visita che una delegazione cinese ha compiuto in Umbria nell’agosto scorso.

Con la collaborazione di Confindustria Umbria e di Umbria Export sono state coinvolte nell’iniziativa imprese di diversi settori (food, packaging, ambiente, meccanica) che parteciperanno alla missione per esplorare le numerose opportunità di business offerte da quest’area della Cina, dove il Ministero degli Affari esteri ha recentemente aperto un nuovo Consolato, il più grande al mondo per estensione, anche con l’obiettivo di allargare l’orizzonte geografico dell’interscambio Italia-Cina in questi territori “di frontiera” che presentano le prospettive di crescita e penetrazione più interessanti per le imprese umbre.

“Da parte delle imprese – ha detto il presidente di Confindustria, Ernesto Cesaretti – c’è notevole interesse verso un mercato che, visti anche i grandi numeri, si presenta molto interessante per gli sviluppi futuri. L’auspicio è che si ripeta il successo di altre esperienze avviate insieme alla Regione, come la missione in Sudafrica, e che si prosegua su questa strada”.

In un’ottica di promozione di sistema e di partenariato territoriale integrato, le imprese svolgeranno le proprie agende di interscambi nell’ambito di una più ampia agenda istituzionale che vedrà la partecipazione anche di rappresentanti delle Università, delle istituzioni culturali umbre, della Fondazione Italia-Cina, di cui la Regione Umbria è socia, in collaborazione con il Centro Estero Umbria, oltre all’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) Umbria e al Parco tecnologico agroalimentare 3A.

A Chongqing, dal 16 al 18 novembre, il vicepresidente Paparelli sottoscriverà una dichiarazione di pre-accordo con la “Cofetec”, la Segreteria di Economia del Municipio, per aumentare e facilitare l’interscambio economico e commerciale. Verrà inoltre ulteriormente consolidata la partnership con “Eurobrand”, il più grande centro commerciale in una zona franca, per la distribuzione di prodotti umbri.

Sarà presentato, con il Dipartimento di protezione ambientale del Municipio, l’accordo siglato a luglio durante il Chongqing Day ad Expo 2015 con l’Arpa e verranno definite operativamente le linee di implementazione che coinvolgeranno anche l’interscambio tecnologico industriale e di investimenti tra le aziende del settore della protezione ambientale umbre e cinesi. Quest’ultima attività sarà presentata come “buona pratica” durante gli incontri con il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, che sarà a Chongqing nell’ambito della missione intergovernativa sullo scambio tecnologico Italia-Cina (China-Italy innovation, technology and cooperation week).

Alla presenza del ministro Giannini, sarà siglato l’accordo tra l’Università degli Studi di Perugia e la locale University of Science and Fine Arts per l’istituzione presso l’ateneo cinese di un Dipartimento di italianistica. “Saremo in Cina, grazie alle istituzioni che ci hanno dato la possibilità di partecipare – ha sottolineato la professoressa Stanghellini – per consolidare accordi già attivati con le Università cinesi e per siglarne di nuovi. La nostra Università – ha ricordato – ha una grande attenzione per l’internazionalizzazione, con la Cina che è fra i principali partner. Quest’anno è stato attivato un corso di laurea in Sinologia, che ha già una cinquantina di iscritti, che preparerà futuri dirigenti e imprenditori anche con periodi di studio in Cina, nelle Università partner”.

“Continuità nelle azioni e un coordinamento forte di tutti i soggetti per fare azione di sistema – ha detto il direttore di Sviluppumbria, Mauro Agostini – sono le linee guida che caratterizzano il nostro programma di internazionalizzazione”.

“Il 2015 – ha aggiunto Agostini – si chiuderà con la missione in Cina e con la partecipazione di imprese umbre aderenti a Confindustria e Cna alla missione guidata dal viceministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda in Iran, tra il 28 e il 30 novembre. Intanto è in elaborazione il programma 2016 che seguirà sempre i principi della continuità e del coordinamento, mettendo insieme le varie attività istituzionali, imprenditoriali, del sistema formativo e dell’alta formazione, della cooperazione decentrata”.

Nella missione in Cina, il direttore di Sviluppumbria Agostini firmerà un accordo operativo con il “Ccpit” (l’istituto per il commercio estero cinese) di Chongqing per fornire un quadro operativo generale di sostegno alla futura cooperazione economica tra imprese. Un accordo analogo verrà firmato nella successiva tappa di Chengdu con il Ccpit locale.

Il vicepresidente Fabio Paparelli, inoltre, siglerà un pre-accordo tra la Regione e la Commissione Istruzione del Municipio di Chongqing per l’implementazione dell’interscambio tra sistemi formativi, in particolare per quanto riguarda l’Alta Formazione, ed incontrerà i principali operatori turistici di Chongqing.

A Chengdu (19-20 novembre) Paparelli sottoscriverà l’accordo tra la Regione e la Commissione Istruzione del Sichuan sulla base degli accordi sottoscritti da Università degli Studi di Perugia e Università per Stranieri. Il vicepresidente della Regione incontrerà i rappresentanti del Foreign Affair Office della Provincia del Sichuan e discuterà delle possibili collaborazioni tra Umbria e Sichuan, anche in vista di un possibile accordo tra le due regioni.

L’Università degli Studi di Perugia siglerà un accordo con la Normal University del Sichuan e un altro specifico con la Facoltà di Turismo della Normal University. L’Università di Perugia sottoscriverà, inoltre, un accordo con l’Agricoltural University del Sichuan e una collaborazione tra Aus, Università di Perugia e Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria per la realizzazione di un Forum e di un Centro sulla sicurezza alimentare. La delegazione sarà presente, inoltre, alla Fiera internazionale dell’Agricoltura del Sichuan.

A conclusione della missione, a Shanghai il vicepresidente Paparelli incontrerà il Console italiano e il direttore dell’Istituto per il commercio estero per fare il punto sulle iniziative promozionali dell’Umbria in questa città. All’incontro sarà presente anche il direttore artistico di Umbria Jazz, Carlo Pagnotta, in missione esplorativa per una possibile futura edizione di Umbria Jazz a Shanghai. La missione è stata realizzata in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Pechino e con i due Consolati generali a Chongqing e a Shanghai.

Cina

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*