Baby Pit Stop, inaugurata l’area di sosta per allattare e cambiare i pannolini

Si è svolta questa mattina, presso il locali della Biblioteca Villa Urbani, l'inaugurazione del Primo Baby Pit Stop Unicef di Perugia

Baby Pit Stop, inaugurata l’area di sosta per allattare e cambiare i pannolini
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Baby Pit Stop, inaugurata l’area di sosta per allattare e cambiare i pannolini

Si è svolta questa mattina, presso il locali della Biblioteca Villa Urbani, l’inaugurazione del Primo Baby Pit Stop Unicef di Perugia, frutto del progetto realizzato in collaborazione tra l’Amministrazione comunale e il Comitato provinciale Unicef di Perugia.

Presenti l’assessore Dramane Wagué, il Consigliere Erika Borghesi per la Provincia di Perugia, la Dottoressa Michela Chiodini in rappresentanza dell’Assessore Regionale Barberini e per Unicef la Dottoressa Iva Catarinelli.

Proprio la responsabile Unicef, nel sottolineare il contributo della Banca popolare di Spoleto cha ha finanziato la realizzazione dello spazio “amico delle mamme e dei bambini” ha salutato i numerosi intervenuti, spiegando loro l’importanza e il significato dei baby pit stop.

“L’allattamento al seno è importantissimo, poiché permette ai bambini di sviluppare maggiori anticorpi per contrastare le malattie e consente loro di raggiungere uno sviluppo più sano ed armonioso. Mettere a disposizione delle mamme dei luoghi attrezzati ed accoglienti in cui ci si può fermare, allattare e cambiare il pannolino, rappresenta un sostegno e un aiuto prezioso, oltre che contribuire a valorizzare il ruolo della biblioteca, dove coniugare sia la crescita fisica che quella culturale.

In tal senso si è espressa anche la rappresentante della Biblioteca di villa Urbani Gaia Rossetti, che ha ricordato come il progetto Baby Pit Stop rivesta un ruolo anche all’interno del progetto “Nati per leggere”, in cui sin dalla più tenera età, il bambino, insieme ai genitori, inizia il percorso di avvicinamento alla lettura.

Proprio questa iniziativa è stata voluta e sviluppata dalla Regione Umbria, tramite l’Assessorato alla Salute in sinergia con le diverse ASL. La dottoressa Chiodini ha ribadito quanto l’Umbria sia sempre stata capofila di iniziative per incoraggiare l’allattamento al seno e, più in generale, per la sana crescita dei più piccoli.

La consigliera Borghesi, portando il saluto del Presidente Mismetti, ha ricordato come la Provincia nel corso degli anni, abbia dato sostegno ai progetti presentati da Unicef in favore dell’infanzia e dell’adolescenza, lodandone la passione e l’impegno sempre dimostrati: “Ci impegneremo affinché ogni città della provincia abbia almeno un baby pit stop, non solo in spazi pubblici, come a Spoleto, prima città ad averlo inaugurato, ma anche in strutture private, come nel caso di Gubbio”. Assieme alle biblioteche, il progetto andrebbe poi esteso anche alle farmacie Afas, volontà che, nel suo ruolo di consigliere comunale, ricorda essere stata discussa nelle passate consiliature.

Chiudendo gli interventi, l’Assessore Dramane Wagué ha portato il saluto del Sindaco e dell’intera Assemblea e ha raccolto l’invito del consigliere Borghesi, sottolineando come l’attenzione verso la tematica dell’infanzia sia sentita da tutti i consiglieri; prova ne è l’ordine del giorno del consigliere di Fdi Stefano Mignini, in cui si richiede che la creazione dei Baby Pit Stop non si limiti solo alle biblioteche ed alle farmacie, ma si estenda anche agli esercizi commerciali, per venire incontro alle esigenze delle famiglie e creare una città davvero accogliente.

“Villa Urbani è solo la prima tappa di questo progetto, speriamo che anche a livello nazionale, dove è in discussione una legge che consente alle madri di poter rimanere a casa fino ai due anni di vita del bambino per l’allattamento, possa crescere la sensibilità verso questa tematica. Il Comune è felice ed orgoglioso di aver contribuito assieme ad Unicef alla realizzazione di questo piccolo ma importante aiuto alla maternità.”

Baby Pit Stop

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*