Assessore regionale Stefano Vinti, partecipa alla marcia contro la “Buona scuola di Renzi”

Tagli alla Sanità pubblica, Stefano Vinti: "Tutti contenti!"

Assessore Vinti, Sinistra Lavoro, partecipa alla marcia contro la “buona scuola” di Renzi, il decreto legge che trasformerà la scuola pubblica in una scuola- azienda, con un manager dai grandi e assoluti poteri al vertice. Un dirigente che sarà l’unico arbitro di tutto: della chiamata e gestione dei docenti, della loro valutazione e anche della didattica, visto che il collegio avrà solo possibilità di essere consultato. Siamo al capolinea degli organi collegiali e della democrazia nella scuola. E purtroppo siamo anche al capolinea della scuola pubblica italiana. Questa ennesima riforma è l’ultimo atto che sancisce una demolizione avviata ormai da tempo.

Avremo una scuola fondata sulla competizione e sulla valutazione proposta dal modello Invalsi, una scuola pensata per le esigenze delle imprese private e non per dare il diritto all’istruzione. Sarà il contesto territoriale, sociale ed economico, a determinare la qualità della singola scuola: e così avremo scuole di serie A e scuole di serie B.
Vinti sarà insieme ai docenti, ai genitori e a tutti quei cittadini che marceranno per dire no alla svendita della scuola pubblica. Per difendere un diritto sancito dalla Costituzione. Contro l’impoverimento della scuola pubblica a favore della scuola privata, che continua ad essere finanziata. Per difendere il diritto allo studio, l’accoglienza, l’autonomia in chiave democratica, per l’alternanza scuola-lavoro, per una riforma didattica e della valutazione. Per un progetto educativo di inclusione, laicità e gratuità. Per fermare una riforma distruttiva per costruire una scuola veramente di tutti e veramente “buona”.

Vinti invita tutti a partecipare alla marcia “Noi… la vera Scuola” che si svolgerà domenica 24 maggio, con un corteo che partirà dai Giardini del Frontone, a Perugia, alle ore 10.00 e raggiungerà Ponte San Giovanni, per concludersi in Piazza del Mercato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*