Ancora alla ribalta il Cippo stradale di via dei Loggi

Lo spostamento al centro della surricordata rotonda non è una “celebrazione” e un ricordo di eventi storici

Ancora alla ribalta il Cippo stradale di via dei Loggi

da Gino Goti
Torna alla ribalta, con connotazioni e riferimenti “politici” inesistenti, il problema della collocazione al centro della rotonda tra via dei Loggi e via Etrusca. Il “cippo”, come è evidente allo sguardo di tutti, non reca traccia che lo possa identificare come manufatto eretto in epoca fascista e tanto meno come riferimento alla “marcia su Roma”: ma è esclusivamente la riproduzione di un antico “capitello” di quelli che i Romani, in epoca imperiale, collocavano sulle strade a ogni km con l’indicazione della città più vicina. “Ogni 10 km era poi segnalata una “stazione” di posta con trattoria, camere da letto, stalla, cavalli freschi da affittare. Ogni 30 una “mansione” cui a quanto sopra, più spazioso e meglio organizzato, si aggiungeva anche un bordello”(Storia d’Italia di Indro Montanelli).

Il “cippo” di via dei Loggi riporta, esclusivamente, indicate con una freccia “Todi – Roma” come quello corrispondente, alla confluenza di via dei Loggi con via Tuderte, “Città di Castello-Ravenna”. (Che per coerenza di coloro che riferiscono al fascismo il precedente dovrebbe avere riferimenti a Berlino e a un altro “regime”). Non ci sono tracce né di fascismo: fasci littori o date in caratteri romani né, tanto meno, accenni alla “storica” marcia su Roma. Quindi lo spostamento al centro della surricordata rotonda non è una “celebrazione” e un ricordo di eventi storici, ma soltanto una segnalazione stradale di cui, oltretutto, non esiste traccia in archivi comunali e statali né di data di nascita né di motivazione di collocazione a ricordo di qualcosa che non siano località. Il “cippo”, una ventina di anni fa fu restaurato a cura della Pro Ponte senza che nessuno sollevasse voci sulla natura e su un significato diverso da quello di un semplice e storico segnale stradale che aveva bisogno di un intervento di ripulitura.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*