Alcolici Stadio Curi, Mencaroni (Pd) contro l’adozione definitiva del provvedimento

Cristina Rosetti M5S
Cristina Rosetti M5S

Diego Mencaroni torna sulla questione dell’ordinanza sindacale sul divieto di vendita degli alcolici intorno allo stadio Curi in occasione delle partite casalinghe del Perugia Calcio.

Il capogruppo PD esprime ferma contrarietà nei confronti di un provvedimento che, se adottato in via definitiva, determinerebbe conseguenze negative non solo per le attività commerciali dell’area, ma anche per gli stessi tifosi, da sempre corretti.

Di seguito la nota integrale:

“La comunicazione di avvio del procedimento che porterà all’adozione di un’ordinanza sindacale avente ad oggetto “Limitazioni alla vendita e somministrazione di alcolici nonché divieto di bevande in contenitori di vetro e lattine per gli incontri di calcio di serie B nella zona dello Stadio Renato Curi” rappresenta un’azione che mi colpisce – in primis – come tifoso del Perugia e nella mia nuova veste di consigliere comunale.

La limitazione è un provvedimento grave che penalizza e colpisce l’immagine di una tifoseria corretta, mai trascinata nelle sporche cronache del tifo violento e distruttivo, sensibile, impegnata da sempre nel sociale, che ha promosso raccolte fondi e molte altre iniziative anche a supporto di scelte amministrative qualificate e qualificanti la città tutta.

La città di Perugia ha da sempre goduto della presenza di una tifoseria seria e appassionata; è una tifoseria dalla forte connotazione popolare, che ha sempre incentivato la presenza di giovani e famiglie ed isolato focolai potenzialmente pericolosi.

Chiedo al Sindaco Romizi di esplicare il perché di un provvedimento così aspro, non giustificabile, ce lo dice la Cassazione, né dalla semplice ed eventuale richiesta della Questura né da generici motivi di contrasto del grave fenomeno della violenza negli stadi. Una chiarezza essenziale affinchè sia costretto a rendersi conto delle implicazioni di un siffatto provvedimento e decida di non dar seguito a questa comunicazione, di non farne una risibile ordinanza.

Chiedo al Sindaco di rendersi conto del fatto che intorno allo stadio, anche durante le partite del Perugia, c’è una città che non smette di vivere, che ha i suoi momenti di convivialità e di aggregazione, che ci sono attività commerciali che non possono vedere così impropriamente ristretta la loro libertà di iniziativa economica costituzionalmente garantita (per fornire solo piccoli, ma significativi esempi, basta dire che un tifoso non potrebbe accompagnare al pranzo con panino fuori dallo stadio un bicchiere di vino, oppure, a partita finita, locali che insistono sulla zona interessata non potranno servire l’ormai frequentatissimo aperitivo).

Ultima considerazione, ma non meno importante, questo tipo di proibizionismo è di certo un indiscusso viatico all’abusivismo, alla vendita sottotraccia di tutto ciò che viene negato, nonchè un pericoloso varco alla assestamento di nuove infiltrazioni mafiose”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*