Unipegaso

UN BANDO PER L’OLIVETO COMUNALE DEL “POGGIO”: PRIORITÀ AI DISOCCUPATI

La mappa dell'oliveto del Poggio
La mappa dell'oliveto del Poggio
La mappa dell’oliveto del Poggio

(umbriajournal.com by AKR) – CASTIGLIONE DEL LAGO – Il Comune di Castiglione del Lago ha pubblicato un bando pubblico finalizzato a concedere a privati, residenti nel comune, la raccolta delle olive negli oliveti di proprietà comunale, situati in Castiglione del Lago nella zona del “Poggio”, dietro impegno degli stessi a garantire, quale contropartita e senza corrispettivo monetario, la potatura, il mantenimento delle piante e la manutenzione di tutto il terreno ricompreso in ciascun lotto, per un periodo di tre anni, alle condizioni riportate nel bando. Gli interessati possono presentare domanda di assegnazione entro le ore 13 del 28 febbraio 2014. La domanda, da redigere in base allo schema scaricabile dal sito del ufficiale del Comune, va consegnata a mano, in busta chiusa, all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, piazza Gramsci n. 1. La cartografia con l’indicazione dei lotti è in visione presso l’ufficio Contratti o scaricabile sempre dal sito: allo stesso ufficio possono essere richieste ulteriori informazioni telefoniche al numero 075 9658202.

Manutenzione delle piante di olivo. Il concessionario dovrà eseguire la potatura delle piante di olivo, da effettuarsi nel periodo febbraio/aprile, mentre nei rimanenti periodi è consentita la potatura verde quando ritenuta utile ai fini colturali e comunque purché non interessi rami a legno. Sono comunque fatti salvi i casi di forza maggiore espressamente ordinati dall’Amministrazione Comunale. Il taglio dei rami dovrà avvenire in modo da conferire alla pianta un aspetto armonico ed equilibrato. Salvo diverse disposizioni impartite dal Comune, dovranno essere evitati tagli di rami di grande diametro, che possano compromettere l’assetto delle impalcature e, conseguentemente, l’equilibrio statico e vegetale delle piante. Le ramaglie, il legname e le foglie risultanti dalle operazioni colturali sopraindicate dovranno immediatamente essere smaltite. Il legname può essere utilizzato dalla Ditta aggiudicataria. Si fa assoluto divieto di lasciare i materiali di risulta sul posto, oltre il tempo necessario alle operazioni richieste. In caso di conferimento in discarica della ramaglia il costo sarà a completo carico del concessionario. Sono ammessi i trattamenti fitosanitari delle piante di olivo nel rispetto delle norme vigenti e comunque previa segnalazione al Comune e con l’indicazione in loco al fine di evitare danni e disagi agli utenti degli spazi pubblici. Gli assegnatari di lotti situati lungo i marciapiedi, parcheggi e passaggi pedonali sono obbligati ad effettuare la potatura in modo da lasciare libero il passo dei veicoli ed il transito pedonale per un altezza di 2 metri durante tutto l’anno.

Raccolta delle olive. Il concessionario dovrà procedere tempestivamente alla raccolta delle olive al fine di limitare, specie lungo strade e parcheggi lo sporco causato dalla caduta. Le spese di molitura sono a carico del concessionario. Eventuali agevolazioni di legge, come integrazione del prezzo, ecc. resteranno attribuite al Comune, a nome e per conto del quale deve essere conferito il prodotto raccolto.

Manutenzione del terreno. Il concessionario dovrà provvedere alla pulizia e manutenzione di tutto il terreno ricompreso nel lotto, in modo che sia sempre tenuto libero da arbusti e con il taglio dell’erba a raso, pena la decadenza della concessione. Nel terreno non potranno essere eseguite coltivazioni di alcun genere.

Criteri per l’assegnazione dei lotti. Nella domanda, gli interessati indicano il numero del lotto che, in via preferenziale, intendono avere in concessione ed il numero di eventuali ulteriori lotti. Nel caso le richieste pervenute siano superiori al numero dei lotti a disposizione, l’assegnazione avverrà seguendo, nell’ordine, i seguenti criteri preferenziali: essere disoccupati, la cui condizione deve essere risultante da iscrizione nelle liste di collocamento; essere pensionati; essere stati già concessionari di lotti di oliveto. A parità di condizioni, l’assegnazione verrà effettuata in base all’ordine di arrivo al protocollo comunale della domanda. Nel caso, invece, le richieste pervenute siano inferiori al numero dei lotti a disposizione, ad uno stesso soggetto potranno essere assegnati fino ad un massimo di tre lotti, qualora abbia dichiarato, all’atto della domanda, la disponibilità ad avere in concessione ulteriori lotti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*