Uiltrasporti Umbria: non applicare spending review indiscriminatamente

Stefano Cecchetti, segretario generale Uiltrasporti Umbria

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – “Oggi si attua il principio della spending review in modo indiscriminato, ma spesso lesivo se penso ad ambiti come quello sanitario-ospedaliero e della grande distribuzione”. Questo il commento di Stefano Cecchetti, segretario generale di Uiltrasporti Umbria. “La spending review – prosegue Cecchetti – è diventata parola d’ordine in ambito imprenditoriale, governativo, istituzionale e, inevitabilmente, familiare. Per molti versi d’obbligo ai fini del contenimento della spesa e soprattutto degli sprechi. Si applica, in ragione di ciò, tale esercizio in modo talvolta lesivo nei confronti della qualità del lavoro, con seri rischi sul versante di sicurezza e salute e, addirittura, dell’occupazione, anche con riflessi negativi verso gli utenti cittadini, in particolare se si tratta di esercizi e/o servizi pubblici, lasciando inoltre ampio margine alla malavita se, oltretutto, si continua con la logica delle gare al massimo ribasso”.

Gli ambiti sanitario-ospedaliero e della distribuzione sono, per Cecchetti, esemplari tra i tanti colpiti. “In entrambi – spiega il segretario generale di Uiltrasporti Umbria –, lo stato di igiene dei luoghi è modificato in peggio, così come le condizioni di lavoro degli addetti alle pulizie che, malgrado la riduzione del tempo a disposizione, tagliato dai committenti in funzione della spending review, sono chiamati in modo proibitivo dalle imprese a garantire lo stesso livello di pulizia, sia in termini qualitativi che quantitativi. Questo genera, da un lato, l’impoverimento del salario e, dall’altro, condizioni di lavoro pessime, oltre i limiti della sopportabilità, senza ovviamente raggiungere quegli standard di qualità necessari. Spesso, con gravi perdite di posti di lavoro”. “Se a ciò si aggiunge – sottolinea Cecchetti – l’aggravante del contesto in cui si verificano i tagli, ci si rende conto della pericolosità che assume tale aspetto nei confronti dei consumatori, per quanto riguarda la grande distribuzione, e dei pazienti per l’ambito ospedaliero, dove la minaccia di cariche batteriche che possono concretizzarsi è veramente alta per scarsa e insufficiente pulizia”.

“Come Uiltrasporti Umbria – conclude Cecchetti – stigmatizziamo la necessità di ravvedimento in tutte le circostanze, ma con priorità in quelle appena descritte ancor prima che si giunga all’emergenza. Intanto speriamo in un attento e scrupoloso controllo continuo da parte degli organi preposti, affinché vengano rivisti e corretti gli attuali parametri di igiene fortemente ridimensionati. È bene che tutto il mondo reagisca contro il solo interesse speculativo che concede ancora sprechi in luogo di servizi di alta qualità ai cittadini per nulla risparmiati dal carotasse”.

 

 

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*