TURISMO MARZO 2013 – TREND POSITIVO

Turismo(UJ.com3.0) PERUGIA – Continua il trend positivo per il turismo a Spoleto. Anche nel mese di marzo 2013 si registrano significativi aumenti. I dati, elaborati sul totale degli arrivi e delle presenze comunicate dalle stesse strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere di Spoleto e Comprensorio, evidenziano un aumento negli arrivi pari al 3,34 % ed un incremento di presenze equivalente al 6,44 %.

In numeri assoluti, nel periodo preso in esame, rispetto al marzo del 2012, gli arrivi aumentano di 257 unità mentre le presenze aumentano di 1.029 rispetto allo stesso periodo 2012. Negli esercizi del settore alberghiero si annotano aumenti d’arrivi corrispondenti al 4,04 % (+ 255 turisti rispetto marzo 2012) ed incrementi di presenze pari al 6,42 % (+ 713 pernottamenti rispetto allo stesso periodo del 2012). Nel settore extralberghiero lieve aumento per quanto riguarda gli arrivi con lo 0,15 % più sostanziale quello delle presenze equivalenti al 6,48% ( che corrisponde a 316 pernottamenti in più rispetto al marzo 2012).

La permanenza media degli ospiti espressa in pernottamenti è certificata nel settore alberghiero al 1,80 e al 3,77 nell’extralberghiero. L’Indice d’Utilizzo Medio si attesta al 24,51 nel settore alberghiero e al 8,96 nel settore extralberghiero.

Rispetto al comprensorio Spoleto città fa registrare aumenti importanti sul terreno delle presenze. Se negli arrivi la percentuale dei turisti a Spoleto si attesta sul + 2.95%, in media quindi con il 3,34% del comprensorio, per quanto riguarda le presenze si registra un 11,13% in più, cifra ben più alta di quella comprensoriale del 6,44%. A Spoleto in sostanza rispetto al marzo 2012 si registrano 7372 arrivi (nel 2012 erano 7161) mentre le presenze passano da 13635 a 15153. La graduatoria degli arrivi a Spoleto e comprensorio rispetto al dato delle regioni italiane vede nelle prime tre posizioni Lazio, Campania e Toscana, per quanto riguarda le nazioni gli arrivi maggiori provengono rispettivamente da Stati Uniti, Germania e Cina.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*