Strisce pedonali in 3D, Carmine Camicia, servono per far rallentare auto

Per ingannare gli occhi degli automobilisti e dei motociclisti distratti ed indisciplinati

Strisce pedonali in 3D, Carmine Camicia, servono per far rallentare auto

Strisce pedonali in 3D, Carmine Camicia, servono per far rallentare auto

PERUGIA – Ogni anno nel nostro Paese 600 pedoni perdono la vita e 21mila rimangono feriti nell’attraversare, nei centri abitati, sulle strisce pedonali. Per questo motivo, il consigliere comunale del gruppo Gal, Carmine Camicia, ha proposto la sua ricetta: strisce pedonali in 3D. “Per ingannare gli occhi degli automobilisti e dei motociclisti distratti ed indisciplinati – spiega Camicia –, ho proposto all’amministrazione comunale, tramite un ordine del giorno, di realizzare in via sperimentale delle strisce pedonali tridimensionali, disegnate a terra come se fossero ‘rialzate’, sulla strada Cenerente-Colle Umberto, dato l’intenso traffico automobilistico.

In questo modo, gli automobilisti e i motociclisti, ingannati dall’illusione ottica, sono portati a frenare e a rallentare la loro corsa per evitare lo schianto contro quello che, da lontano, potrebbe sembrare una barriera”.

“In India, Russia, Cina ed Islanda le strisce pedonali sono tutte tridimensionali, mentre la Svezia già da tempo ha iniziato la sperimentazione – ricorda il consigliere –. Perugia con questa iniziativa potrebbe essere la prima città del centro Italia ad avere strisce pedonali in formato 3D che inducono istintivamente i guidatori a rallentare”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*