ROCCO GHIRLANDA: “AEROPORTO ANCORA A RISCHIO SOPRAVVIVENZA”

Aeroporto, Squarta: "Dopo Ryan anche Alitalia abbandona"
Aeroporto, Squarta: "Dopo Ryan anche Alitalia abbandona"

Aeroporto_Perugia_Luglio_2013“L’aeroporto di Perugia non ha ancora risolto e superato le criticità che ne hanno messo, e ne mettono tuttora, a rischio la sopravvivenza: non basta l’inserimento tra gli scali di interesse nazionale del centro Italia o la ricapitalizzazione per la quale, attraverso gli enti locali coinvolti, sono stati i cittadini a contribuire direttamente attraverso le imposte, per poter dichiarare la fine dell’emergenza che si era palesata con evidenza negli ultimi mesi. Rimane ancora aperta infatti la questione del rilascio della concessione ventennale di cui lo scalo di Perugia – fra i pochissimi in Italia – è sprovvisto viste le perplessità del Mef riguardo alla sostenibilità economica dello scalo”.

È quanto dichiara Rocco Girlanda, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. “Sono comunque attese le verifiche sul nuovo piano economico e finanziario richiesto alla Sase, al fine di appurare la sostenibilità della gestione dello scalo per i prossimi anni, e tese ad evitare un nuovo ricorso ad interventi di ricapitalizzazione con risorse pubbliche. Verifiche che saranno rapidissime sulla base di quanto la Sase vorrà trasmettere al Ministero di cui faccio parte ed allo stesso Ministero dell’economia.

Da parte nostra – conclude Girlanda – abbiamo fatto e stiamo facendo di tutto per arrivare al rilascio della concessione nei tempi più rapidi, ma ora la gestione dello scalo deve dimostrare di riuscire a concretizzare realmente e con dati alla mano il tanto sbandierato sviluppo dell’aeroporto che, negli ultimi anni, ha vissuto uno stato emergenziale su diversi aspetti essenziali, tra cui le perdite con conseguente necessità di ricapitalizzazione, che non escludono purtroppo la possibilità di rivivere nel prossimo futuro passaggi delicati circa la sopravvivenza dello scalo”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*