Primi d'Italia

Quadrilatero: abbattuto diaframma Galleria Valico Fossato

Da lunedì 16 maggio chiusura provvisoria della strada statale 77 “della Val di Chienti”

Quadrilatero: abbattuto diaframma Galleria Valico Fossato

Quadrilatero: abbattuto diaframma Galleria Valico Fossato

Proseguono i lavori per il completamento del versante marchigiano della direttrice Perugia-Ancona, nell’ambito del progetto Quadrilatero Marche-Umbria. È stato abbattuto questa mattina l’ultimo diaframma della galleria “Valico di Fossato”, sulla strada statale 76 “della Val d’Esino”, nel tratto Fossato di Vico-Cancelli. La galleria si sviluppa esattamente in corrispondenza del confine regionale ed è lunga 2,86 km che ricadono per il 65% nella regione Marche e per il 35% nella regione Umbria. È tra le più estese della direttrice, seconda solo alla galleria “Gola della Rossa” di 3,76 km, completata a maggio dello scorso anno. Lo scavo è stato realizzato su due fronti: circa 2000 metri dall’imbocco nord verso sud e circa 800 metri dall’imbocco sud verso nord. Il completamento dei lavori sul tratto Fossato di Vico-Cancelli e sul tratto Albacina-Serra San Quirico, per un’estensione complessiva di 22 km, è previsto nei primi mesi del 2018.

Per consentire, inoltre, il completamento dei lavori di costruzione della direttrice Foligno-Civitanova Marche, nell’ambito del progetto Quadrilatero Marche-Umbria, la strada statale 77 “della Val di Chienti” sarà provvisoriamente chiusa in entrambe le direzioni per un tratto di circa 1 km (dal km 1,050 al km 2) in corrispondenza dell’innesto sulla strada statale 3 “Flaminia”, a Foligno, a partire da lunedì prossimo 16 maggio. Il traffico sarà deviato sul vecchio tracciato della SS77, attualmente strada comunale denominata “vocabolo Colpernaco”, con indicazioni sul posto. La chiusura è necessaria, in particolare, per consentire le ultime fasi operative delle lavorazioni necessarie all’adeguamento della carreggiata per l’apertura al traffico della direttrice.

Quadrilatero

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*