Torrente Assino, morìa di pesci, interviene Arpa

torrente assino

Nel tardo pomeriggio di ieri, 2 agosto, Arpa è stata allertata dalla Polizia Provinciale per una morìa di pesci verificatasi sul torrente Assino, in prossimità della sua confluenza con il Tevere nel territorio di Umbertide. Immediatamente intervenuti, i tecnici dell’Agenzia hanno verificato che, a causa di un distacco delle pompe posizionate all’ingresso dell’impianto di depurazione, le acque reflue venivano scaricate senza subire alcun trattamento sul torrente, caratterizzato in questo periodo da scarsa quantità di acqua, provocando così una morìa di pesci in tutto il tratto interessato.

Arpa ha condotto prelievi a monte e a valle del punto necessari a definire con esattezza la portata dell’inquinamento e sta effettuando approfondimenti utili ad individuare le responsabilità e prescrivere le misure e gli accorgimenti tecnici necessari per evitare che quanto accaduto possa ripetersi in futuro.

Nella serata di ieri Umbra Acque ha ripristinato il corretto funzionamento delle pompe, interrompendo subito lo scarico delle acque reflue non trattate.
Il Tevere non sembra aver risentito dell’episodio, non essendo state su questo osservate morìe di pesci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*