Primi d'Italia

THYSSENKRUPP, LA FIM CISL, “SI APRE UNA NUOVA FASE CRUCIALE”

astIl coordinamento Fim Cisl esprime un giudizio critico rispetto all’incontro dei giorni scorsi tra Istituzioni locali, Governo e massimi esponenti di Outokumpu e ThyssenKrupp per il fatto che il sindacato italiano è stato tenuto fuori dalla riunione. Pur apprezzando il fatto di aver mantenuto l’unitarietà del sito potenziandolo con alcuni centri di servizio strategici per l’Europa, il giudizio sul ritorno in ThyssenKrupp rimane sospeso perché non si conosce né il progetto industriale né il piano industriale.

Il coordinamento della Fim Cisl in particolare auspica che vengano “garantite le risorse per gli investimenti, le risorse per la ricerca, che dovrà essere sostenuta possibilmente dal Csm e le risorse per la sostenibilità ambientale del sito.

Il Coordinamento della Fim Cisl ritiene inoltre che stia per aprirsi una nuova fase. “Il ritorno a tempo determinato in ThyssenKrupp, infatti – scrive il sindacato in una nota – rappresenta una sfida per la città, il management, le maestranze e le organizzazioni sindacali. Tutti dovranno calarsi nella nuova parte, nella consapevolezza di dover attraversare profonde trasformazioni che rischiano di riguardare i sociali e in modo particolare le politiche degli appalti” La Fim Cisl osserva che si sta per aprire un’altra tappa cruciale per l’azienda. “Chi pensa di seguire un modello di relazioni industriali precostituito – continua il sindacato – sbaglia. Terni, da sempre, è stata la fucina di modelli costruiti insieme. E necessariamente dovrà esserlo pure  questa volta. Azienda, Management, Sindacato e Lavoratori hanno pari dignità”.

La Fim Cisl conclude parlando del nuovo corso della Confindustria ternana a cui guarda con particolare attenzione. “Vorremmo fornire – conclude la nota – un contributo utile a porre le aziende sulla strada del rinnovamento, adeguato e costante, delle strutture organizzative e tecnologiche, sostenendo l’istruzione e la riconversione professionale dei lavoratori. Un progetto che generi lavoro, occupazione, reddito”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*