Tabacco, la filiera dà vita all’Organismo interprofessionale europeo

Oriano Gioglio
Oriano Gioglio

Decisione presa all’unanimità dai produttori di Unitab con i trasformatori di Fetratab – Primo obiettivo quello di regolamentare la produzione e il mercato e monitorare i costi

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – I produttori e i trasformatori di tabacco hanno costituito un Organismo interprofessionale europeo a tutela degli interessi della filiera. La decisione è stata presa all’unanimità dal comitato esecutivo di Unitab (Unione tabacchicoltori) riunitosi a Parigi. A rappresentare l’Italia in questo incontro, l’umbro Oriano Gioglio e Gennaro Masiello, presidenti rispettivamente di Unitab Italia e Ont (Organizzazione nazionale del tabacco). Presente anche una delegazione di Fetratab (Federazione europea dei trasformatori di tabacco) composta dal suo vicepresidente Domenico Cardinali e dal direttore Carlo Sacchetto. “Il nostro primo intento – ha commentato Gioglio – è quello di regolamentare la produzione e il mercato e monitorare i costi di produzione. Questa sinergia ci permetterà anche di conoscere meglio gli orientamenti futuri e gli scenari internazionali, alla luce dei nuovi prodotti da fumo e delle esigenze dei consumatori”.

Obiettivi. Tra i vari obiettivi che si sono posti i promotori della nascente organizzazione c’è anche quello di porre maggiore attenzione alle nuove sensibilità dei consumatori e dell’opinione pubblica sull’impatto della fase della produzione agricola, da un punto di vista ambientale e della tutela del paesaggio, sull’impatto negli aspetti della salute fino alla gestione dei residui dei prodotti da fumo. “Vogliamo tutelare l’immagine del tabacco – ha spiegato ancora Gioglio –, combattere la produzione illecita e fermare così il disimpegno delle grandi manifatture e l’esodo della produzione dall’Europa”. In dieci anni, dal 2005 al 2015, la produzione si è infatti dimezzata scendendo dalle 400mila alle 200mila tonnellate.

Le prossime mosse. A conclusione della riunione, i segretari di Unitab, Francois Vedel, e di Fetratab, Carlo Sacchetto, si sono impegnati a redigere il nuovo statuto, secondo le osservazioni emerse, così da poter procedere entro giugno alla stipula dell’atto costitutivo. “La Commissione europea, attraverso Jesùs Zorrilla della Direzione generale agricoltura – ha concluso Gioglio –, sta ponendo molta attenzione alla questione così come il Copa-Cogeca e tutto il Gruppo di dialogo civile tabacco dell’Unione europea. La decisione di istituire un organismo interprofessionale è stata subito ben accolta dai tabacchicoltori ma anche dalle manifatture perché consente loro una programmazione complessiva con un unico soggetto”.

Nicola Torrini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*