Primi d'Italia

Sostenibilità, energia e ambiente: otto aziende umbre partecipano alla Fiera Eos di Udine

SEos_PrimoPianoono otto le imprese umbre, tra quelle che hanno siglato l’accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente per l’analisi dell’impronta ambientale (Carbon Footprint), che parteciperanno dal 17 al 19 maggio ad EOSExposition of Sustainability, la prima fiera internazionale che si svolge a Udine dedicata alla sostenibilità ambientale e al Carbon Footprint. Negli spazi del polo fieristico di Udine Fiere verrà ricreata una piccola città del futuro, dove saranno esposti tutti quei prodotti e servizi realizzati da imprese che hanno intrapreso un percorso di riduzione dell’impatto ambientale in termini di Carbon Footprint (per le materie prime utilizzate, per il processo produttivo, per l’imballaggio e il trasporto scelto..) e realizzano prodotti o servizi per incrementare la sostenibilità della vita quotidiana.

Il Ministero dell’Ambiente, oltre a patrocinare l’evento, sarà presente a EOS con un proprio stand in cui saranno esposti i prodotti di tutte le aziende che hanno partecipato al bando pubblico sulla Carbon Footprint o stipulato un accordo volontario per il calcolo dell’impronta ambientale. Da tempo, infatti, il dicastero porta avanti iniziative di cooperazione pubblico-privato per il calcolo dell’impronta ambientale (carbon footprint e water footprint) volte alla riduzione dei gas a effetto serra nel quadro delle politiche del Protocollo di Kyoto e del Pacchetto Clima-Energia del Consiglio Europeo. Oggi collaborano con il Ministero oltre 70 aziende italiane che operano in diversi settori di produzione e servizi (tessile, agroalimentare, industria, turismo, ceramiche, infrastrutture, grande distribuzione). Prodotti che arrivano da tutta Italia e da brand come Coop Italia, Granarolo, Lamborghini e Pirelli, solo per citare alcuni esempi.

I lavori presentati dalle imprese rientrano in un percorso istituzionale che è cominciato con l’analisi delle emissioni di gas serra lungo il ciclo di vita dei prodotti e prosegue con lo sviluppo di progetti per la riduzione dell’impronta di carbonio calcolata. Non poteva mancare in questo contesto la regione cuore verde d’Italia che sarà rappresentata da un numero significativo di aziende: Angelantoni CO2, Archimede Solar Energy, AR Alimentare, Azienda Agricola Castello Monte Vibiano Vecchio, Cruciani, Gpt-Gruppo Poligrafico Tiberino, Grafiche Bovini e Polycart.

Archimede Solar Energy di Massa Martana ha sottoscritto nel 2012 il protocollo con il Ministero dell’Ambiente per definire una metodologia di calcolo dell’impronta di carbonio relativa alla produzione di tubi ricevitori per centrali solari termodinamiche e la relativa contabilizzazione delle emissioni di CO2 prodotte. Il Gruppo Angelantoni sarà presente a Eos anche con la neonata società Angelantoni CO2 creata per occuparsi in modo specifico dello studio e della valutazione dell’impronta del Carbonio con l’obiettivo di favorire la diffusione del calcolo del carbonio nel ciclo di vita dei prodotti e di individuare opere di mitigazione al fine di ridurre le emissioni di CO2 e di gas serra.

AR Alimentare con sede a Marsciano sarà presente a Eos per la Carbon Footprint nella produzione della pizza Sorrento formato mini per aerei.

L’Azienda Agricola Castello di Monte Vibiano ha aderito al protocollo del Ministero con il piano “Viticoltura Sostenibile”, un progetto nazionale pilota con cui misurare la performance di sostenibilità della filiera vite-vino a partire dal calcolo dell’ impronta idrica e carbonica.

Cruciani, storico marchio di moda del gruppo Tessile Arnaldo Caprai di Foligno, ha siglato a gennaio, in occasione degli eventi legati al Salone Pitti Immagine Uomo, l’accordo per la realizzazione di un braccialetto ecosostenibile della linea “Cruciani Green Innovation”.

L’azienda Grafiche Bovini di Perugia ha calcolato la Carbon Footprint del fumetto ONE PIECE edito da Star Comics.

Polycart di Palazzo di Assisi ha siglato l’accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente per l’analisi della impronta ambientale dell’innovativa etichetta biodegradabile e compostabile brevettata dall’azienda umbra, già nota per i sacchetti in Mater-Bi®. L’etichetta sarà mostrata alla fiera nelle sue diverse applicazioni: dalla frutta (“il biollino”) alle etichette per le bottiglie di olio e vino, agli altri prodotti utilizzabili in settori diversi.

Infine Gpt-Gruppo Poligrafico Tiberino, ha allestito un proprio stand ed è in attesa della valutazione finale del bando carbon footprint 2013 nel quale si è classificata al primo posto. Sarà presente in fiera anche Green Innovation, società di consulenza scelta come partner da molte aziende della regione per lo sviluppo dei progetti di carbon footprint e gestore del marchio di sostenibilità ambientale della Regione Umbria Green Heart Quality.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*