RifiutiZeroUmbria, meno Css più raccolta differenziata

La scelta di puntare alla produzione di CSS è in contrasto con la necessità di massimizzare il recupero di materia e di portare la Raccolta Differenziata a percentuali maggiori dell'85%

RifiutiZeroUmbria, meno Css più raccolta differenziata

RifiutiZeroUmbria, meno Css più raccolta differenziata

Il Coordinamento Regionale Umbria Rifiuti Zero (CRURZ) apprezza la recente decisione della giunta regionale di anticipare il raggiungimento degli obiettivi della raccolta differenziata.

Tuttavia esprime preoccupazione che nell’adeguamento del piano regionale gestione rifiuti si preveda di trasformare gli impianti di selezione e trattamento meccanico biologico già esistenti in Umbria in impianti di produzione di CSS (Combustibile Solido Secondario) invece di aggiornarli per renderli in grado di recuperare ulteriore materia da riciclare e diminuire così la nostra bolletta dei rifiuti che ora è tra le più care d’Italia.

La scelta di puntare alla produzione di CSS è in contrasto con la necessità di massimizzare il recupero di materia e di portare la Raccolta Differenziata a percentuali maggiori dell’85%, percentuali già raggiunte dalle più virtuose realtà italiane.

Solo così infatti è possibile minimizzare il ricorso alle discariche e nel contempo rispettare le indicazioni europee per una economia circolare. Quindi auspichiamo una più radicale e partecipata revisione del piano regionale rifiuti anche alla luce delle interdittive antimafia che hanno colpito alcuni dei principali gestori umbri.

RifiutiZeroUmbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*