Progetto per l’Umbria – “Senza le piccole e medie imprese l’Italia non può farcela!’

guasticchi(umbriajournal.com) PERUGIA – Valori della politica e dell’economia si sono intrecciati nel corso dell’incontro dell’Associazione ‘Progetto per l’Umbria’ presso l’Hotel Plaza di Perugia che ha visto la presenza del parlamentare europeo Francesco De Angelis. L’esigenza di un vero rinnovamento rispetto al modo di fare politica e la richiesta delle primarie sono state oggetto di discussione nel corso dell’incontro unitamente, vista la presenza del parlamentare, all’esame dello stato delle piccole e medie imprese italiane ed umbre che devono poter contare sulle risorse europee per riuscire a superare il difficile attuale momento. “Il Pd deve cambiare – ha esordito Marco Vinicio Guasticchi presidente di ‘Progetto per l’Umbria’.- Gli elettori sono stanchi e non accettano più candidati cresciuti come polli in batteria. Siamo stati vicini a Matteo Renzi fin dall’inizio proprio per cambiare e rinnovarci. Oggi dobbiamo assistere allo scenario spaventoso del tutti contro tutti: noi continuiamo ad essere leali verso il linguaggio della politica del rinnovamento e per questo osiamo chiedere le primarie. La presenza dell’On. De Angelis da me sollecitata va letta alla luce della situazione umbra che conta tanti piccoli e medi imprenditori che non conoscono le opportunità dell’Europa: è necessario che l’Europa vada verso di loro. L’Italia non è in grado di progettare e intercettare risorse le quali tornano indietro e vengono acquisite da altri paesi europei. Abbiamo votato in passato parlamentari che non abbiamo mai visto: anche per l’Europa dobbiamo avere riferimenti di istituzioni serie e competenti”. Riconquistare il rapporto di fiducia con la politica che deve saper ascoltare . Non solo, non bisogna spezzare il legame con la gente”. Per De Angelis il Pd può rappresentare una speranza per futuro del Paese e il congresso può servire a cambiare, rinnovare e decidere il futuro del partito ma anche del Paese. “Dobbiamo parlare dell’Italia, del nostro futuro e del futuro dei nostri figli – ha detto De Angelis – puntando su crescita, sviluppo e lavoro, quest’ultimo vera priorità. L’Italia deve tornare a correre, a vedere la luce, ad avere speranze nel futuro. La durissima crisi colpisce le imprese: le risorse comunitare per i prossimi anni sono le uniche certe e disponibili per il nostro paese. I 100 miliardi di euro per le imprese italiane porranno un problema di capacità di utilizzo. Dobbiamo catturare queste risorse e spenderle bene. E’ sui contenuti e progetti mirati che bisogna saper vincere questa sfida che è una grande opportunità, anche e soprattutto per i giovani”. E in politica De Angelis è per il ‘superamento del governo delle larghe intese, restando alternativi alla destra’. “Servono – ha detto – ripresa economica, lavoro e una nuova legge elettorale per poter scegliere parlamentari e governo”. E rispetto alla vicenda politica del momento ha ricordato che ‘ la legge è uguale per tutti’ e che ‘non bisogna cedere ai ricatti’. L’esigenza di elezioni primarie è stata ribadita da Diego Guerrini che ha posto la questione della riforma della politica, da Sauro Bergelli che ha chiesto anche l’eliminazione della burocrazia di partito, da Mario Bocerani e da Lando Contini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*