Il nuovo PRG di Castiglione è approvato

Si tratta della Parte Strutturale. Cittadini: «Eccezionale lavoro dei tecnici comunali»

Approvato giovedì sera, in via definitiva, il nuovo Piano Regolatore Generale – Parte Strutturale di Castiglione del Lago con i voti favorevoli della maggioranza di centrosinistra, le astensioni di Progetto Democratico e il voto contrario dei due consiglieri del Movimento 5 Stelle. «Passaggio di importanza fondamentale per il nostro territorio – ha affermato con soddisfazione l’assessore all’urbanistica Nicola Cittadini – in quanto si tratta del terzo strumento urbanistico approvato nell’intera storia di Castiglione, dopo il primo del 1974 e il secondo del 1999. Siamo di fronte ad un lavoro avviato nel 2006 dalla Giunta guidata dal sindaco Valter Carloia, subito individuato e finanziato con un contributo mirato della Regione Umbria, come “progetto pilota” per i suoi alti contenuti innovativi».

Nel 2006, si designò come consulente la figura prestigiosa del professor Gianluigi “Gianni” Nigro, che seguì con passione ed alta competenza scientifica lo sviluppo del piano fino alla sua scomparsa avvenuta nel 2012. «È stato il primo PRG in Umbria per il quale è stato siglato un accordo di copianificazione – ricorda Cittadini – con caratteri di elevata sperimentalità: tutela paesaggistica, meccanismi premiali di perequazione e nuova disciplina delle aree potenzialmente disponibili per nuovi insediamenti.

Nicola Cittadini
Nicola Cittadini

Il nuovo PRG è in perfetta sintonia e coerenza con il documento programmatico approvato nel febbraio 2009. La nuova Amministrazione, guidata dal sindaco Sergio Batino, ha scelto un metodo di vasta partecipazione del piano che si è concretizzato in decine di riunioni della Commissione consiliare urbanistica, in svariati incontri nel capoluogo e in tutte le frazioni, nonché con i tecnici liberi professionisti del territorio». La fase di partecipazione ha avuto un momento importante con la pubblicazione della bozza nel giugno del 2011 e con la “mostra” delle cartografie, per consentire di emendare errori, acquisire ulteriori contributi tecnici o di privati cittadini. Nel settembre del 2012, il PRG venne poi adottato. «Questo metodo partecipativo, se da un lato ha consentito il massimo coinvolgimento, dall’altro ha inevitabilmente dilatato i tempi: era però nostra ferma intenzione non “calare dall’alto” il Piano, ma condividerlo in pieno con la comunità castiglionese.

La Conferenza dei Servizi indetta dalla Provincia di Perugia ha, infine, avallato completamente,”blindato” e consolidato questo PRG, un documento che “guarda” nell’immediato allo sviluppo armonico e sostenibile del nostro territorio; in tale ottica, nella medesima seduta il Consiglio ha anche approvato la delibera inerente il Parte Operativa del PRG, che costituirà la prima fase attuativa delle previsioni del Piano Strutturale. La redazione dell’Operativo avrà ad oggetto sia la disciplina dell’insediato esistente, mirando alla “ricucitura” del tessuto urbano, che quella di dettaglio degli APOT, Ambiti per operazioni di trasformazione, che sarà effettuata mediante una procedura di evidenza pubblica e selettiva tesa a selezionare le migliori progettualità sulla scorta di criteri di qualità urbanistica, infrastrutturale, ecosostenibilità delle costruzioni, rispetto dell’ambiente, maggior beneficio per la collettività e in tema di rispetto del paesaggio».

Carta dei Caratteri (centro Castiglione)Nicola Cittadini tiene, infine, a sottolineare il gran lavoro, l’estrema professionalità, la passione e l’entusiasmo profusi in questo composito lavoro di pianificazione urbanistica dai tecnici comunali e, in particolar modo, ringrazia l’ing. Stefano Torrini e l’arch. Mauro Marinelli nonché tutti i componenti della Commissione Urbanistica presieduta con grande scrupolo ed equilibrio da Daniz Lodovichi.

1 Commento su Il nuovo PRG di Castiglione è approvato

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*