Perugina, Rsu, piano commerciale Nestlè troppo sbilanciato sul cioccolato

Piano industriale Nestlè, senatori PD: «Rimangono punti oscuri»
Baci Perugina

Perugina, Rsu, piano commerciale Nestlè troppo sbilanciato sul cioccolato

Questa mattina (9 ottobre) in Confindustria a Perugia si é svolto l’incontro tra Nestlè, le segreterie regionali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e la RSU Perugina, per l’illustrazione del Piano commerciale 2015-2016.

La Rsu non ritiene pienamente soddisfacente questo piano, poiché esso prevede sviluppo e sostegno, in termini di investimenti e marketing, quasi esclusivamente per il settore cioccolato.

Come già detto in altre occasioni, da ultimo in sede ministeriale questa settimana, la Rsu ritiene che la Perugina non potrà garantire i livelli occupazionali in essere e l’attenuamento della Curva bassa di produttiva se sceglierà di concentrare quasi esclusivamente le proprie produzioni nel settore del cioccolato.

I limiti che la RSU riscontra in questo piano commerciale sono legati alla mancanza di una vera e propria strategia industriale, soprattutto nel settore del mercato interno.

Ancora una volta ci è stato mostrato che le difficoltà nel garantire la piena occupazione dei lavoratori derivano dal fatto che siamo di fronte ad un evidente calo del settore confiserie, segmento in cui, da sempre, la Perugina é leader di mercato, ma che ad oggi risulta quello più colpito dalla crisi.

Tuttavia, ci è stato comunicato che alcune campagne come San Valentino, Pasqua, etc., sono andate meglio degli anni precedenti, poiché supportate da apposite strategie di marketing. Prendiamo atto di queste notizie, che avvalorano ulteriormente la nostra tesi: laddove i nostri prodotti vengono sostenuti da investimenti e da apposite campagne pubblicitarie, i risultati sono evidenti.

La RSU ha ribadito i concetti ormai espressi in tutti i tavoli: la Perugina dovrà continuare ad avere nel settore del cioccolato il suo punto di riferimento principale, ma questo non potrà avere il carattere dell’esclusività, per le ragioni già evidenziate. Ecco perché continuiamo a pretendere da parte di Nestlè un piano industriale espansivo e su questo versante abbiamo colto positivamente quanto detto dal ministero dello Sviluppo Economico, che ha ribadito di ritenere la Perugina una fabbrica strategica per il Paese e che pertanto monitorerà attraverso il tavolo aperto l’evolversi della situazione.

La prossima settimana ci saranno le assemblee con i lavoratori.

piano commerciale Nestlè

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*