PERUGIA – PREMIO ARCHITETTURA “FBM”

Da sx Pierre Alain Croset, e Catiuscia Marini(umbriajournal.com) ACQUASPARTA – E’ stato uno studio di Lisbona (composto dai progettisti Emanuele Moro, Francois Brunner  e Pauline Chauvet) ad aggiudicarsi la quinta edizione del premio di architettura FBM “Lungo la vecchia via Flaminia”,  la cui cerimonia di premiazione si è tenuta stamani ad Acquasparta alla presenza, tra gli altri, della Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini e dell’assessore regionale alla riqualificazione urbana Silvano Rometti. Il premio, promosso da Fornaci Briziarelli Marsciano s.p.a. con la collaborazione de “il Giornale dell’Architettura”, il supporto dei Comuni di Acquasparta, Massa Martana e San Gemini e con il patrocinio della Regione Umbria, è rivolto a giovani under 30, studenti, neolaureati e  professionisti in  architettura e ingegneria chiamati a coniugare il valore storico delle città umbre e del loro territorio con quello dello sviluppo territoriale e della costruzione avanzata e sostenibile.

“Puntare sulla qualità architettonica – ha detto la presidente Marini – significa preservare e promuovere le eccellenze dell’Umbria che si declinano attraverso il territorio, il paesaggio e le bellezze dei suoi Centri storici. Significa gettare uno sguardo attento alla progettazione del futuro sostenibile di questa regione, mettendo a valore quanto essa ci offre. La stessa idea alla base del premio – ha proseguito la presidente, finalizzata da una progettazione sovracomunale da parte di giovani professionisti, ben si coniuga con quanto realizzato su questi temi dalla  Regione Umbria a cominciare dalla specifica legge sulla qualità architettonica di cui si è dotata”.

Per l’assessore Rometti “il premio  rappresenta quindi una  prima applicazione   di quella riqualificazione d’area vasta che mette insieme recupero dei centri storici, salvaguardia territoriale, qualità ambientale e paesaggistica e nuova fruibilità dei siti. Nell’area dei tre comuni, Acquasparta, Massa Martana e San Gemini, oggetto delle proposte progettuali – ha ricordato l’assessore –  come Regione abbiamo promosso  interventi di riqualificazione per complessivi 5 milioni di euro attraverso i PUC 3 ed abbiamo sostenuto  lo sviluppo del Quadro strategico di valorizzazione (QSV) sovracomunale  che include un Masterplan di indirizzo a cui hanno concorso le comunità locali”. Sono sei i gruppi di progettisti selezionati per la seconda fase del premio, propedeutica all’assegnazione del  vincitore,   sul tema del percorso delle acque  per la riqualificazione e l’insediamento di una mini spa nelle  ex-terme di Amerino, nel comune di Acquasparta, una zona che ospita impianti termali storici.

Le idee progettuali sono finalizzate ad una rinnovata funzione termale dell’area con l’insediamento, in un complesso già in parte recuperato con fondi regionali, di unamini-SPA che fornisca l’occasione per il ripristino di uno spazio pubblico che è stato storicamente importante per la città e che può tornare a nuova vita se collegato alla nuova mobilità sostenibile e ai nuovi interventi previsti dal QSV, a partire dalla Pista Ciclabile e dal progetto di recupero delle vecchie stazioni, inseriti nello stesso bando di Prima Fase del Premio FBM.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*