Perugia, Nestlè, interrotto il tavolo delle trattative

Nestlé, nessun blocco degli investimenti su Perugina
Perugina
Perugina
Perugina
PERUGIA – Venerdì 4 aprile si è svolto l’incontro per il rinnovo dell’Integrativo di Gruppo. Contrariamente alle consolidate relazioni sindacali e alle esperienze del passato l’Azienda ha posto come pregiudiziale la soluzione di alcune problematiche organizzative in tre siti (Perugia, Frosinone, Parma) prima di affrontare la discussione dei punti della piattaforma. Il sindacato aveva prioritariamente chiesto maggiore chiarezza sul futuro industriale di Nestlè Italia, degli investimenti e delle innovazioni per sostenere i prodotti nel mercato.

La proposta dell’azienda per tre siti citati risulta impraticabile: trasformare il Contratto di lavoro da Tempo Indeterminato e Tempo Pieno in altre forme contrattuali per centinaia di lavoratori intaccherebbe i diritti dei singoli dal punto di vista del reddito e previdenziali.

Il Coordinamento Sindacale e le Segreterie Nazionali Fai, Flai e Uila hanno ripetutamente chiesto di tenere separate le discussioni del Rinnovo dell’Integrativo dai temi della riorganizzazione ma la Nestlè ha dichiarato la propria indisponibilità, assumendosi così la responsabilità di interrompere le trattative.

Per queste ragioni dichiariamo lo stato di agitazione del Gruppo, il blocco delle flessibilità e degli straordinari e convochiamo le assemblee dei lavoratori.

Se entro Il mese di aprile l’Azienda non raccoglierà la disponibilità a discutere del futuro del Gruppo in Italia, a partire dagli investimenti, e quindi proseguire il confronto sull’Integrativo, decideremo come organizzare questa difficile fase sindacale e quali risposte dare alla Nestlè.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*