Perugia, Nestlè, Bravi (Cgil): no al Jobs Act in salsa “Perugina”

Nestlé, nessun blocco degli investimenti su Perugina
Perugina
Perugina
Perugina

PERUGIA, 9 aprile – In una nota, il segretario generale della Cgil Umbria, Mario Bravi, dice no al Jobs Act in salsa “Perugina

“Come hanno sottolineato i sindacati di categoria Flai Cgil, Fai, Uila e la Rsu della Perugina, l’impostazione della multinazionale Nestlè è irricevibile e provocatoria. Non si può allargare la precarietà in un’azienda come la Perugina, che invece per la qualità delle produzioni e del marchio rappresenta un sito su cui investire.”

“Deve essere chiaro a tutti che Nestlè deve ricominciare ad investire su San Sisto. Non si può pensare di competere comprimendo i diritti dei lavoratori.”

“Oggi, sulle pagine di un quotidiano nazionale, il responsabile delle relazioni sindacali della multinazionale, invita il sindacato a raccogliere la sfida del Jobs Act.”

“Evidentemente qualcuno ha la memoria corta, perché nel corso degli ultimi anni il sindacato alla Perugina ed in Umbria, ha raccolto e lanciato una serie di sfide importanti, ma quella del Jobs Act, che è incentrata sulla precarizzazione delle condizioni dei lavoratori, non è una sfida che guarda al futuro, ma rappresenta al contrario un arretramento inaccettabile. Per cui, in qualsiasi modo sia condita, questa risposta è irricevibile a Perugia ed in Umbria.”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*