Oltre 13mila presenze in tre giorni: i numeri (e non solo) di Fa’ la cosa giusta! Umbria 2015

FlCG 2015_10_04 (27 di 47)

Si è chiusa con oltre 13.000 presenze la seconda edizione di Fa’ la cosa giusta! Umbria, fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili di scena per tre giorni (dal 2 al 4 ottobre 2015) all’Umbriafiere di Bastia. I numeri parlano di un 30% netto in più di visitatori rispetto all’edizione 2014. Un incremento costante, segnale che conferma la bontà della formula della kermesse, che unisce in un unico spazio temi, contenuti, promozione e vendita di prodotti e servizi sostenibili. La mostra mercato ha visto la partecipazione di oltre 200 aziende, in rappresentanza di un tessuto economico e sociale sempre più vivo, che riesce a tenere insieme la produzione e la commercializzazione di beni e servizi con il rispetto dell’ambiente e del sistema locale in cui produce e distribuisce i propri prodotti. Professionisti, piccole e medie imprese, aziende, associazioni, che rappresentano l’economia reale del Paese, un’economia che distribuisce reddito e crea occupazione senza lasciare ricadute negative sul territorio, o almeno cercando di limitarle al massimo. Un’economia, in altri termini, realmente sostenibile. Tra i numeri importanti di questa seconda edizione va sicuramente messo in evidenza il dato relativo all’adesione delle scuole. Sono stati oltre 700 gli studenti degli istituti di ogni ordine grado che hanno partecipato ai laboratori e agli incontri nelle mattinate di venerdì 2 e sabato 3 ottobre. Nella tre giorni si sono alternati, inoltre, 200 appuntamenti (tutti gratuiti) tra conferenze, seminari tecnici, momenti ludici, laboratori, workshop, degustazioni, show cooking. Un programma di attività pensato per tutta la famiglia, realizzato sia dalle stesse aziende presenti in fiera che dalle tante realtà associative e del non profit dell’Umbria. “Ovviamente – sottolineano gli organizzatori, la giovane società umbra Fair Lab – siamo molto contenti dei numeri, che ci raccontano di una fiera in crescita sia nel pubblico che nelle aziende coinvolte. Ma siamo anche orgogliosi di quello che i dati sull’affluenza non dicono: per tre giorni si è ragionato, ci si è incontrati e si è progettato futuro. Proposte, accordi, relazioni che i partner del progetto, le realtà più o meno strutturate, le associazioni di categoria, i tecnici e i professionisti presenti nei padiglioni fieristici hanno avuto modo di scambiarsi e di realizzare. Un capitale di relazioni messo in circolo e che sicuramente lascerà dei semi, anche se non direttamente misurabili nell’immediato. Altro fattore per noi importante – proseguono – è il dato relativo alla qualità degli espositori. Oltre a realtà storiche del consumo consapevole e ad eccellenze dei diversi settori, siamo molto soddisfatti di aver portato in fiera giovani imprenditori alla loro prima esperienza. Attività nate nel 2014 o nei primi mesi del 2015 che hanno investito in Fa la cosa giusta! Umbria vedendo in questo format un’opportunità di sviluppo. Un ringraziamento va poi a tutte le persone che hanno collaborato, alla Regione Umbria e al Comune di Bastia, alla professionalità dello staff di Umbriafiere, alla Coop Saf, all’Arpa Umbria per il supporto scientifico, alle diverse realtà del comitato promotore, ai partner e agli sponsor.

Fa la cosa giusta! Umbria è stata organizzata da Fair Lab, in collaborazione con Umbriafiere SPA, da un’idea e in collaborazione con Terre di mezzo Editore, con il patrocinio e il contributo della Regione Umbria, con il patrocinio del Comune di Bastia Umbra. Progetto finanziato dal PSR Umbria 2007/2013 – Misura 313 Incentivazione attività turistiche.

Il comitato promotore è composto da: Acli, Arci, Cittadinanzattiva, Cgil, Cisl, Uil, Legambiente, Libera e Forum del Terzo settore.

Partner: CIA Umbria, Aiab Umbria, Forma.Azione, ACI (Alleanza delle Cooperative Italiane), Umbria Grida Terra, Assimoco

Partner scientifico ARPA Umbria

Main sponsor: Novamont, MaterBi, Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo

Con il contributo di: Coop Centro Italia, CNA Umbria, VUS, Pedano, Tauro Essicatori, Umbrò

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*