Lotterie, bingo, scommesse sportive? Ecco come vincere, ma attenti a non rovinarvi

Giocare sì, ma fatelo con cautela, non rovinatevi la vita sognando di migliorarla vincendo

Lotterie, bingo, scommesse sportive? Ecco come vincere, ma attenti a non rovinarvi
10elotto

Lotterie, bingo, scommesse sportive? Ecco come vincere, ma attenti a non rovinarvi

di Morena Zingales
PERUGIA – Quante volte vi è capitato di leggere la scritta “Il gioco può causare dipendenza patologica” oppure “Il gioco è vietano ai minori di 18 anni” e poi ancora “Gioca senza esagerare”. Sono le frasi che nella maggior parte dei casi lasciano indifferenti chi gioca, ma intanto stanno lì, qualcuno le ha messe è un motivo valido c’è.

Chi vuole giocare, gioca e basta. C’è chi vince e chi perde. Sono più quelli che perdono e pochi quelli che vincono. Ma tra i tanti perderti, ci può essere un vincitore. Chi sarà a vincere, lo stabilirà la sorte, questa benedetta Dea Bendata che ogni tanto decide di baciarci.

Più che sorte diremmo che si tratta di un calcolo probabilistico, già stabilito in partenza, prima dell’inizio del gioco, come dire si sa chi deve vincere. Ma questo lascia indifferenti, e se c’è qualcuno che ogni tanto vince, quella vincita spinge le persone a giocare di più.

L’Umbria è una regione fortunata, diverse sono le persone che hanno vinto, ricordiamo le vincite milionarie a Gubbio, più di una a Perugia, a Terni, Foligno, l’anno scorso ad Assisi con la Lotteria Italia e la settimana scorsa una signora perugina ha vinto 60 mila euro al gioco 10 e Lotto giocando solo 6 euro. Più sono le vincite più si è portati a giocare, e molto spesso si gioca esagerando con le cifre. 2 di qua, 3 di là, e poi ancora 10 da questa parte e perché no una scommessa sul volley o sul calcio, chissà se il gol del nostro giocatore preferito ci porti fortuna. Alla fine facendo i conti in tasca vi rendete conto che avete investito mezzo stipendio (per chi c’è l’ha) sul gioco senza vincere nulla, ma non sarebbe stato meglio pagare una bolletta o comprare il latte ai nostri figli? Su questo la Regione Umbra da tempo ha avviato una campagna sul gioco d’azzardo.

La Ludopatia o dipendenza da gioco è una condizione di notevole gravità che può arrivare a compromettere in modo molto serio la qualità della vita di una persona e quella dei suoi familiari (non sono rari i casi di tracolli finanziari, divorzio, perdita del posto di lavoro).

Giocare sì, ma fatelo con cautela, non rovinatevi la vita sognando di migliorarla vincendo al Super Enalotto, al Lotto, 10 e Lotto, al semplice Gratta e Vinci o le slot machine? Le probabilità di vincita sono basse, e queste vincite nel caso del Gratta e Vinci dipendono molto dal numero dei biglietti stampati e/o venduti.

E’ così è anche per gli altri giochi. Prima di giocare è bene dare uno sguardo ai regolamenti e alle probabilità di vincita che sono sempre messi a disposizione di tutti i giocatori, su internet se si gioca online o su tutte le ricevitorie.

E’ tempo di Natale, si avvicina la Lotteria Italia, i biglietti sono già in circolazione, volete provare a vincere? Fatelo, ma con molta cautela. Ricordate: “Gioca senza esagerare”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*