Primi d'Italia

Locazione, Asppi Perugia: in crescita la stipula del canone concordato

Giacomo Iucci, segretario provinciale Asppi Perugia

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – “Sono ormai oltre l’80 per cento i contratti di locazione abitativa stipulati a canone concordato nella provincia di Perugia a partire dalla fine del 2015 e con un significativo incremento dall’inizio del 2016”. Questo il dato fornito da Giacomo Iucci, segretario dell’Associazione sindacale piccoli proprietari immobiliari (Asppi) di Perugia in merito allo stato della locazione nella provincia. “Ciò – ha spiegato Iucci – è stato favorito dalle recenti disposizioni del governo con la Legge di stabilità 2016, che ha ridotto l’Imu del 25 per cento per gli immobili concessi in locazione a canone concordato, e con la legge numero 80 del 2014 che ha ridotto la cedolare secca al 10 per cento ed esteso la possibilità del canone concordato, con applicazione della cedolare secca, anche ai Comuni umbri che non sono riconosciuti ad alta densità abitativa”. Sono sempre di più, sempre secondo Asppi, dunque, i locatori che scelgono il canone concordato. “Con sempre maggiore intensità – ha confermato Iucci – i proprietari si rivolgono all’Asppi per stipulare contratti di locazione a canone concordato e verificare la possibilità di applicare tale fattispecie anche a contratti in essere stipulati precedentemente a canone libero. Questo anche a seguito del deposito degli accordi locali in tutti i Comuni ad alta densità abitativa (Perugia, Corciano, Città di Castello, Gubbio, Foligno, Spoleto, Todi e Umbertide) e, dal 6 aprile 2016, in tutti gli altri della provincia”. “Sono notevoli, infatti – ha concluso Iucci –, i vantaggi connessi alla stipula del canone concordato. Per il proprietario c’è la possibilità, come detto, di applicare la cedolare secca al 10 per cento con una riduzione di oltre il 50 per cento di tassazione e per gli inquilini che rientrano nei limiti di reddito individuati, la possibilità di avere una detrazione Irpef fino a 495,80 euro e, in alcune fattispecie, fino a 991,60 euro”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*