Trafomec, i lavoratori entrano in sciopero a oltranza

Presidio permanente e astensione dal lavoro finché l’azienda non darà risposte credibili

Trafomec, i lavoratori entrano in sciopero a oltranza
Assemblea Trafomec
Trafomec, i lavoratori entrano in sciopero a oltranza

Sciopero a oltranza, con presidio permanente davanti alla fabbrica e iniziative di mobilitazione e sensibilizzazione sul territorio: è questo il percorso individuato, attraverso il voto e a larga maggioranza, dai lavoratori della Trafomec di Tavernelle al termina dell’assemblea che si è svolta fuori dai cancelli questa mattina, 30 ottobre, in occasione della prima giornata di sciopero proclamata da Fiom Cgil e Fim Cisl di Perugia. Uno sciopero pienamente riuscito, con adesione totale dei lavoratori e fabbrica completamente ferma. Ma uno sciopero che non ha portato all’atteso incontro con la proprietà, che, al contrario, ha deciso di disertare il tavolo inducendo i lavoratori a intensificare la loro protesta.


Formazione per comunicatori e giornalisti
Scrivi a direttore@marcellomigliosi.it

Siamo consapevoli del sacrificio al quale i lavoratori vanno in contro entrando in sciopero a oltranza – commentano Cristiano Alunni e Gianni Cecchetti, segretari della Fiom e della Fim di Perugia – eppure siamo convinti che questa sia l’unica strada possibile a fronte dell’insostenibilità di una situazione di totale incertezza e improvvisazione da parte dell’azienda che si protrae ormai da troppo tempo”.

Sindacati e lavoratori sono pronti a discutere di organizzazione, di ricorso agli ammortizzatori sociali e di tutte le problematiche che l’azienda può trovarsi ad affrontare – aggiungono Alunni e Cecchetti – ciò che è inaccettabile è che da 17 mesi, da quando cioè questo management ha le chiavi dell’azienda, la situazione sia addirittura peggiorata rispetto a quella già critica di partenza. Naturalmente – concludono i due sindacalisti – come più volte ribadito, questa partita non può essere vinta esclusivamente da lavoratori e sindacato, ma necessita dell’impegno e del sostegno di tutte le istituzioni, locali e regionali, per garantire una prospettiva ad un sito produttivo vitale per il futuro della Valnestore”.

Al termine dell’assemblea, i sindacati, preso atto della decisione dei lavoratori di proseguire la mobilitazione, hanno informato l’azienda chiedendo un incontro immediato attraverso il quale riprendere un percorso credibile per gli oltre 100 lavoratori Trafomec.

Trafomec

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*