TERNI, AST, GRASSO “130 ANNI ENTUSIASMANTI E DIFFICILI DI STORIA ITALIANA”

SAMSUNG DIGITAL CAMERA(umbriajournal.com) TERNI –  Questa mattina, Pietro Grasso, presidente del Senato, ha partecipato alla celebrazione per i 130 anni della fondazione delle Acciaierie di Terni. “Questa cerimonia – afferma Grasso – rappresenta una occasione per ricordare una grande impresa siderurgica che, con i suoi 130 anni entusiasmanti ma anche difficili ha fatto la storia italiana”.

“Siamo qui per dire buon compleanno – ha detto ancora Grasso – e per cercare di potenziare questa industria che ha un alto tasso di occupazione e quindi è un bene per il Paese e per i lavoratori”. Secondo Grasso quella di oggi è  anche l’occasione per “mettere l’accento sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sul rispetto dell’ambiente, che tutte le industrie devono avere”.

“Deve essere un impegno di tutti – ha proseguito il presidente del Senato – fare in modo che i termini industria, lavoro, ambiente, sicurezza e benessere diventino tra loro sempre più conciliabili e tra loro compatibili, per rinnovare il patto di fiducia e collaborazione tra la città, l’azienda, i cittadini e i lavoratori”.

Secondo Grasso, lo Stato è chiamato anche “a definire regole chiare ed efficaci in materia di sicurezza ambientale e di sicurezza sul lavoro, affinchè sia tutelata la salute delle popolazioni che vivono nei territori limitrofi ai complessi industriali e siano garantite la salute e la sicurezza dei lavoratori all’interno dei siti produttivi”.

“Le acciaierie di Terni – continua Grasso- hanno rappresentato e continuano a rappresentare una risorsa essenziale non solo per Terni, per l’Umbria ma anche per l’intero Paese. Si tratta di una realtà industriale che oggi occupa quasi tremila persona, è il primo produttore di acciai in Italia e il secondo in Europa. Da sempre le acciaierie di Terni sono caratterizzate da capacità di innovazione tecnologica e contraddistinte dall’eccellenza della loro produzione”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*