Perugina, Galgano e Catalano (CI): produzioni strategiche e innovazione per salvaguardare San Sisto

Perugina, Galgano e Catalano (CI): innovazione e produzioni strategiche per salvaguardare San Sisto
Il corteo dei lavoratori della Perugia a Roma

Perugina, Galgano e Catalano (CI): produzioni strategiche e innovazione per salvaguardare San Sisto

Perugina, questa non è una semplice vertenza. L’azienda, infatti, ha un legame identitario forte con la città e ne ha segnato la storia. Non è solo una fabbrica. Ben vengano, quindi, il richiamo del Mise a Nestlè al rispetto dell’accordo sottoscritto lo scorso anno, effettuato al tavolo, e soprattutto la sottolineatura del legame esistente tra marchio, fabbrica e territorio. Ma se vogliamo veramente scongiurare i 340 esuberi annunciati da Nestlè, dobbiamo dare alla multinazionale ragioni valide per non ridimensionare la Perugina“. A dirlo sono stati, stamani partecipando al presidio dei lavoratori Perugina sotto la sede del Mise a Roma, Adriana Galgano e Ivan Catalano, deputati di Civici e Innovatori, che hanno sottoscritto la risoluzione sullo stabilimento di San Sisto discussa nei giorni scorsi nelle commissioni Attività produttive e Lavoro e che hanno chiesto venga votata la prossima settimana.

Nestlè sta modificando la propria strategia a livello globale a seguito delle richieste che sono state avanzate dal nuovo socio di maggioranza, il fondo americano Third Bird –  hanno ricordato – Per questo, rimaniamo convinti che sia fondamentale rilanciare, proponendo soluzioni che siano in linea con questo cambio di business. Perugia ha le sue carte da poter giocare: dobbiamo portare le produzioni per l’infanzia a San Sisto, superando la stagionalità vincolante del cioccolato, e favorire i contatti con l’Università per avviare ricerche nel campo della nutrizione e del microbioma. Ovviamente – hanno concluso Galgano e Catalano – Perugia è la capitale del cioccolato e deve rimanerlo per cui vanno anche avviati nuovi progetti di attrattività turistica basati su questo claim. Quella che stiamo combattendo è una battaglia per l’occupazione, lo sviluppo e il rilancio di un’intera città e faremo tutto il possibile per vincerla”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*