Perugia lavoro: al via il progetto-stage formativo per sei neodiplomati

da Riccardo Liguori
PERUGIA – Prende il via l’8 settembre il progetto esecutivo dello Stage formativo post esame di Stato promosso dall’Associazione di Volontariato “San Pio da Pietrelcina” di Olmo-onlus e volto a permettere a sei studenti neodiplomati dell’Istituto di Istruzione Superiore “Cavour-Marconi-Pascal” in Perugia di svolgere un’esperienza formativa di effettivo lavoro presso altrettante aziende del comprensorio perugino. L’attestato che verrà rilasciato al termine dello stage, con la valutazione delle competenze lavorative acquisite, sarà un valido titolo da inserire nel curriculum di ogni stagista. «Grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, con il cofinanziamento dell’Opera Pia “San Martino di Fontana” di Olmo, della Fondazione Brunello Cucinelli e della Confartigiano – sottolinea Fiorella Polidori, presidente vicaria dell’Associazione e responsabile del progetto –, per la prima volta l’Istituto “Cavour-Marconi-Pascal” attiverà sei tirocini formativi post-diploma, per studenti dei vari indirizzi, che effettueranno uno stage di sei mesi, retribuito con una borsa da 3.000 euro, presso qualificate ed importanti aziende del territorio, selezionate in base a criteri definiti in un apposito bando, che offrono concrete possibilità di sbocchi professionali successivi allo stage».

«La collaborazione iniziale tra l’Istituto di Istruzione Superiore e l’Associazione di Volontariato, che ha ottenuto anche il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia e del Comune di Perugia – commenta Fiorella Polidori –, ricorda e segue le orme dell’opera di don Dario Pasquini, fondatore dell’Opera Pia “San Martino di Fontana” e del Collegio Popolare di Olmo che, nel secondo dopoguerra, in maniera innovativa, assicurò un’istruzione scolastica ai giovani dei ceti meno abbienti, preparandoli all’inserimento nel mondo del lavoro». «Considerato il momento di crisi economica – conclude la presidente dell’Associazione “San Pio da Pietrelcina” –, questi tirocini, che si spera di poter attivare anche in futuro, diventano una concreta opportunità occupazionale per i giovani». Soddisfazione per la realizzazione di questo progetto è stata espressa dal parroco di Olmo-Chiugiana-Fontana, mons. Fabio Quaresima, vicario episcopale della Seconda Zona Pastorale dell’Archidiocesi, nel rilevare come «due realtà nate nella nostra comunità parrocchiale, quali l’Associazione “San Pio da Pietrelcina” e l’Opera Pia “San Martino di Fontana”, sono riuscite a portare a compimento questa iniziativa di grande valore sociale rivolta alle giovani generazioni alla ricerca di una prima occupazione. Anche la Parrocchia, attraverso le sue diverse realtà pastorali ed aggregative, deve fare la sua parte in un’epoca in cui tante famiglie vivono situazioni assai difficili anche per la mancanza di lavoro».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*