PERUGIA, PROGETTO SICUREZZA, RIPROPOSTA LA FIGURA DEL VIGILE DI QUARTIERE

vigili_urbani_armati“Rilanciamo, con nuove strategie e mezzi, la figura del vigili del quartiere per raccogliere informazioni, controllare appartamenti a rischio e dare un valido aiuto alle forze dell’ordine”. La proposta, illustrata in un comunicato stampa, porta la firma del consigliere comunale di Forza Italia Carlo Castori che ha rilanciato la figura del vigile urbano di quartiere all’interno della modifica del Patto per la Sicurezza da effettuare nella nuova legislatura comunale dopo il voto del 25 maggio. “Negli ultimi tempi – ha spiegato Castori – il Comune di Perugia ha preferito utilizzare gli ausiliari del traffico solo per racimolare qualche euro, invece di impiegarli a tutela della sicurezza. Sono figure che possiamo ritenere idonee a questo servizio poiché conoscitori del quartiere, dei residenti, dei commercianti e delle strade stesse con l’ausilio di una formazione professionale mirata. Le funzioni devono essere le seguenti: prevenire e reprimere atti criminosi sul territorio, segnalare eventuali problematiche viabilistiche, controllare e sorvegliare luoghi e strutture pubbliche, individuare e segnalare ai servizi sociali particolari casi di cittadini in difficoltà, controllare traffico e viabilità. Il Vigile di Quartiere – conclude Castori – potrebbe comunicare, tramite cellulare, con tutti gli uffici del Comune ed essere in collegamento diretto, per ogni emergenza, oltre che con la centrale operativa della Polizia Municipale, con le centrali operative della Polizia di Stato e dei Carabinieri. Ovvio che non possiamo limitare questa figura al solo centro storico, ma bisognerebbe estenderlo all’intera area urbana perugina.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*