Nestlé ascolta il piano degli operai

E' stato ribadito all’azienda quelli che sono i passaggi fondamentali per la salvaguardia e il rilancio della Perugina

Perugina, i lavoratori dicono sì all’accordo
Perugina

Nestlé ascolta il piano degli operai

“È un fatto di straordinaria importanza che per la prima volta nella storia delle relazioni industriali in Perugina, la multinazionale Nestlé abbia ascoltato e preso appunti sulle idee e le proposte che noi lavoratori, insieme ai sindacati, avanziamo per lo stabilimento di San Sisto”. È questo il commento della Rsu Perugina al termine del confronto che si è svolto presso la Confindustria di Perugia tra la stessa Rsu, i sindacati regionali e nazionali, Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, con i vertici aziendali e di Nestlé Italia.

“È stato un confronto di quasi due ore – continuano i delegati – nel corso del quale abbiamo ribadito all’azienda quelli che sono per noi i passaggi fondamentali per la salvaguardia e il rilancio della Perugina, ovvero: valorizzazione del brand Bacio; sviluppo dei prodotti storici; produzioni controstagionali, per controbilanciare il calo fisiologico della cioccolata; forti investimenti nel marketing”.

“Da parte di Nestlè – continua la Rsu – abbiamo riscontrato attenzione e condivisione su alcuni aspetti della nostra proposta. Naturalmente, la multinazionale non si è espressa compiutamente, in attesa dell’appuntamento del 2 marzo, nel quale, a parti invertite, sarà presentato il piano industriale di Nestlè. Siamo comunque fieri – concludono i delegati – di aver portato un colosso come la multinazionale svizzera al confronto sulle nostre idee, nella consapevolezza dell’importanza che la nostra fabbrica riveste per la città di Perugia, per l’Umbria e per il Paese”.

“L’incontro di oggi tra le organizzazioni sindacali ed il management di Nestle’ rappresenta un momento significativo del confronto sulle prospettive industriali ed occupazionali dello stabilimento Perugina  di Perugia, anche in vista della presentazione del Piano industriale da parte della multinazionale annunciata per il 2 marzo prossimo”. È quanto afferma la presidente della regione Umbria, Catiuscia Marini, in relazione all’incontro svoltosi quest’oggi a Perugia tra le organizzazioni sindacali e i vertici della multinazionale.

“Per la Regione – ha aggiunto la presidente – sarà fondamentale che il Piano industriale contenga impegni concreti sul versante degli investimenti e della valorizzazione commerciale dei prodotti realizzati nello stabilimento perugino di San Sisto. Abbiamo avuto già modo di rappresentare anche in sede di MISE la richiesta di un piano che garantisca insieme prospettive industriali e salvaguardia dei lavoratori e della capacità occupazionale. Unitamente al comune di Perugia seguiremo con la massima attenzione le decisioni della multinazionale Nestlè che spero saprà raccogliere – ha concluso Marini – anche gli stimoli e le indicazioni contenute nel piano presentato dalle organizzazioni sindacali”.

Nestlé

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*