Lavoro, in Umbria 12 sistemi locali su 14 risultano perdenti

Eleborazione dell’Ires Cgil sui dati Istat: i risultati peggiori a Orvieto, Umbertide, Gubbio e Gualdo Tadino

Lavoro, in Umbria 12 sistemi locali su 14 risultano perdenti
immagine generica di repositorio

Lavoro, in Umbria 12 sistemi locali su 14 risultano perdenti

Persistente scarsità di lavoro, precarietà e basse remunerazioni: un mix letale che purtroppo caratterizza l’occupazione in Umbria e fa sì che larga parte della nostra regione risulti “perdente” in termini di capacità di tenuta e ripresa negli anni della crisi (2008-2016). Ad affermarlo sono Mario Bravi e Lorenzo Testa, rispettivamente presidente e ricercatore dell’Ires Cgil dell’Umbria, che analizzano nel dettaglio i dati contenuti nel dossier “Struttura ed evoluzione del mercato del lavoro nei Sistemi Locali”, presentato dal direttore dell’Istat Alleva alle commissioni congiunte di Camera e Senato il 3 ottobre scorso.

Figura 1. Sistemi locali del lavoro per combinazione delle variazioni dell’occupazione nel 2008-2016 e 2013-2016
Lo studio analizza l’andamento dei 611 sistemi locali del lavoro (SLL) italiani, luoghi in cui la popolazione risiede e lavora, ossia dove esercita la maggior parte delle relazioni sociali ed economiche. Queste entità territoriali vengono definite dai flussi di pendolarismo e non sono necessariamente dipendenti dall’articolazione amministrativa. 14 dei 611 SLL italiani sono all’interno dell’Umbria.

Nel report sopraccitato gli SLL vengono suddivisi in 4 categorie in base alla variazione congiunta dei livelli di occupazione nell’intero periodo (2008-2016) e negli anni della ripresa (2013-2016). Vengono definiti “vincenti” i Sistemi Locali nei quali in entrambi i periodi è aumentata l’occupazione e, all’inverso, risultano “perdenti” quelli in cui si è verificato l’opposto. Sono invece “resistenti” gli SLL in cui l’occupazione aumenta nell’intero periodo ma diminuisce dal 2013 al 2016 e infine sono “in ripresa” quelli dove è avvenuto il contrario.In base a questa suddivisione l’Umbria risulta avere uno dei risultati peggiori, infatti l’85,7% dei sistemi locali del lavoro si collocano tra quelli “perdenti”. Solo 2 dei 14 SLL umbri fanno eccezione: il SLL di Cascia, che risulta “resistente”, in quanto registra un aumento di 84 occupati nell’intero periodo e ne perde 2 dal 2013 al 2016; e quello di Terni che – nonostante una diminuzione consistente di 2.550 occupati dal 2008 al 2016, il secondo più basso tasso di occupazione (42,5%) e il quarto maggiore tasso di disoccupazione (10,1%) dell’Umbria – viene classificato in ripresa poiché recupera 229 unità negli ultimi 3 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*