Ex dipendenti Enel: cessano le agevolazioni sull’energia elettrica

Lo Spi Cgil Umbria organizza assemblee in tutto territorio

Ex dipendenti Enel: cessano le agevolazioni sull’energia elettrica

Ex dipendenti Enel: cessano le agevolazioni sull’energia elettrica

La segreteria regionale dello Spi Cgil dell’Umbria, in conseguenza della disdetta della regolamentazione collettiva sulle agevolazioni tariffarie agli ex dipendenti Enel e superstiti, ritiene necessario informare i pensionati che Enel, in forma unilaterale, ha deciso di far cessare il beneficio sullo sconto energia agli ex lavoratori.

L’Enel ha comunicato ufficialmente la disdetta delle agevolazioni tariffarie collettive con decorrenza 1° gennaio 2016 alle organizzazioni sindacali di categoria degli elettrici, che hanno espresso un giudizio negativo in merito a tale decisione. Quindi dal primo giorno dell’anno non saranno più riconosciute le agevolazioni tariffarie attualmente in vigore agli ex dipendenti e supersiti.

Enel storicamente è stata una azienda molto radicata nel territorio regionale, con siti produttivi e centri di distribuzione di energia elettrica nelle province di Perugia e Terni, occupando nel recente passato migliaia di lavoratori che, a seguito della contrattazione nazionale, avevano ottenuto il beneficio dello “sconto energie” che non era altro che una parte di salario differito.

A questo punto gli ex lavoratori, ora pensionati o/e supersiti, si vedranno cancellato questo diritto dal 1° gennaio 2016. A fronte di questa decisione lo Spi Cgil dell’Umbria nei prossimi giorni organizzerà per gli iscritti, e per quanti vorranno partecipare, apposite assemblee che si terranno nelle città di Perugia, Terni, Narni, Foligno, Orvieto, Città di Castello, Gubbio, Castiglione del Lago, Bastardo e Pietrafitta, per dare tutte le informazioni e la dovuta assistenza sindacale sia a coloro che decideranno di sottoscrivere le transazioni individuali, sia a coloro che decideranno eventuali ricorsi legali.

Ex dipendenti Enel

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*