Da Uiltrasporti Umbria solidarietà  ai lavoratori di Vus spa

uiltrasporti umbria

Sindaco di Spoleto si prodighi per consentire ad addetti di operare con mezzi idonei” – Sindacato si dichiara a disposizione per confronto con primo cittadino spoletino

(umbriajournal by Avi News) – SPOLETO “Solidarietà” dalla segreteria regionale Uiltrasporti Umbria a tutti i lavoratori di Vus Spa “che con impegno e tra mille disagi garantiscono, comunque, lo svolgimento dei servizi”, nonostante “disagi in termini di mezzi obsoleti non più idonei soprattutto in termini di sicurezza” e “strumenti di lavoro pressoché assenti”. “Semplicemente perché i Comuni, Spoleto in testa – spiega il segretario generale Uiltrasporti Umbria, Stefano Cecchetti –, tardano il pagamento del canone previsto a Vus Spa, nonostante i cittadini abbiano versato nelle casse del Comune quanto dovuto. La Uiltrasporti intende investire di ciò il sindaco di Spoleto che ha criticato i lavoratori in modo vergognoso per un caffè (come se quando se ne prende uno lui gli venisse fatta la trattenuta del tempo utile dallo stipendio assai maggiore di quello di un operatore ecologico), senza riflettere sulle condizioni in cui sono chiamati ad operare gli addetti di Vus”.

La smania del controllo a distanza da porre sui mezzi non fa onore al sindaco – prosegue il sindacato –. Fa ritornare alla mente momenti di diniego della democrazia vissuta in Italia qualche decina di anni fa. L’azienda Vus Spa ha fior di personale addetto al controllo del territorio al quale spetta questo ruolo e, se dovessero esserci dipendenti che sbagliano, ha tutti gli strumenti per intervenire, per cui il sindacato vigila che in tal senso non vi siano abusi. È veramente squalificante per il ruolo di sindaco di una città di alto profilo culturale come Spoleto, scendere a questi  livelli”. Uiltrasporti Umbria invita quindi il sindaco “a prodigasi al fine di consentire agli addetti di operare con strumenti e mezzi idonei e utili al raggiungimento degli obiettivi di alto livello di qualità dei servizi” e si dice “a disposizione”  per qualsiasi chiarimento con il primo cittadino.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*