UMBRIAJOURNAL COMPIE DIECI ANNI E SI RINNOVA

Marcello-Migliosi-1del Direttore,
Marcello Migliosi
www.umbriajoural.com cambia veste e lo fa in occasione del suo decennale. A luglio del 2004, per l’esattezza, cominciò questa grande avventura nella comunicazione online. Allora era il tempo del codice html e dei laboriosi impianti di grafica e di trasferimento delle pagine con cute ftp. Non ci credo ancora che, grazie a tutti coloro che collaborano e hanno collaborato, siamo arrivati a costruirci un sito che spero vi piaccia e che sia funzionale alle vostre esigenze. Ora dietro a umbriajournal c’è un gruppo di lavoro: CrossMedialProjectwww.crossmedial.net“. Di questo “dream team”, in primi fa parte Morena Zingales, mia allieva e ora collega e insostituibile “crossmedialeditor” senza la quale nulla sarebbe stato possibile. Un fortissimo ringraziamento e grande riconoscenza alla collega, Luana Pioppi che, quasi subito, si è affezionata ad umbriajournal e non lo ha mai più lasciato: era a lavorare con me e Morena anche oggi.  Uj.com è, di fatto, la sintesi di quanto ora può il web rappresentare nella comunicazione 2 e 3.0.

La comunicazione mediata ha, oramai, la sua massima espressione in quella che è la convergenza dei media nella grande rete. Un sito internet non può più prescindere da quelle che sono le sue relazioni vitali con i socialnetwork e puntare dritto verso il futuro in armonia con quella che è la “Augmented Reality”. Marshall McLuhan diceva che qualsiasi tecnologia utilizzata per la comunicazione è la comunicazione stessa. La pervasività del mezzo tecnologico, in sostanza e secondo il grande sociologo canadese, sui caratteri strutturali della comunicazione e quindi sull’immaginario collettivo è oramai cosa acclarata.

E lo è tal punto da prescindere dai contenuti della stessa informazione veicolata. In questi anni, e continuo ancora, ho studiato e insegnato, trasferito conoscenze e acquisito saperi, e il gruppo Crossmedial sta crescendo culturalmente e l’osmosi iniziale diventa via via sempre più uno scambio di saperi che fa crescere la squadra. Una squadra il cui sogno è quello di dare il proprio contributo in quello che è l’incontenibile processo di arricchimento dell’intelligenza collettiva digitale che sta travolgendo e, per certi versi, sconvolgendo il pianeta.  Un piccolo team che prova a dare il proprio contributo affinché la barriera del “digital divide” culturale si riduca più possibile. Crossmedial.net ha già in sé il “germe della follia creativa” del web, la “contaminazione” è avviata e in una sorta di eterno divenire e work in progress sono arrivate, a volte anche partite, figure che si sono avvicinate a questo meraviglioso e affascinante mondo della “transmedialità”.

Non potevamo prescindere dall’innovarci e rinnovarci, anche in relazione a quelle che sono le esigenze di chi fruisce delle notizie che arrivano dal web. E se, come diceva McLuhan, “il medium è il messaggio”, crossmedial cresce e con esso i siti della sua galassia. Umbriajournal ora è “responsive” per adattarsi agli apparati mobili che stanno diventando sempre più il mezzo tecnologico con cui le persone accedono alla grande rete per fruire di testi, foto, video, audio e di quanto di più disparato e ricco si possa immaginare nel mondo della realtà aumentata.

Dopo Ujcom, e dopo tante ore di lavoro notturno, sono nati gli “oggi”: www.assisioggi.it, www.bastiaoggi.it, www.spellooggi.it, www.bettonaoggi.it e in ultimo (ma ne arriveranno altri) www.ponteoggi.it. A questi si aggiunge la bella esperienza di www.umbriadomani.it, testata giornalistica di proprietà dell’omonima associazione che ha permesso a crossmedial di entrare in contatto anche con altri colleghi, alcune delle quali: Monica Di Lecce (giornalista professionista, Sandra Colaiacovo e Sara Righetti, sempre più si stanno appassionando alla transmedialità.  Dello stesso staff, Tgeventi.it di Silvia Ferrari che ha creduto in noi, e jazzclubperugia.it. Un gruppo questo, in sostanza, che è “palestra” di allenamento anche per giovani, una su tutte Elisa Tortoioli, allieva del professor Rolando Marini dell’Università per stranieri, che sta diventando sempre più preziosa per la stessa squadra. Un grazie particolare anche alla dottoressa Flavia Baldassarri dell’Università di Perugia e al fotografo Giancarlo Belfiore per il suo prezioso aiuto. Tra i suoi tanti scatti anche quelli di chi ora non è più in forza con crossmedial.net, Milena Wieczoreck, che ha scelto altre strade.

Chi “sogna” è con noi!
il direttore

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*