Si fa scuola con ‘Le nuove frontiere del web nello sport’ all’Itts ‘A. Volta’

all'Itts Volta Le nuove frontiere del web nello sport

L’Istituto tecnico tecnologico statale di Perugia ha ospitato il primo di una serie di convegni. In collaborazione con la Scuola regionale dello sport del Coni Umbria. Testimonial Franco Vannini

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – Qualcuno è già un piccolo campione dello sport, qualcun altro sogna di diventarlo, altri pensano a una carriera da dirigente o giornalista sportivo. Sono i ragazzi del primo, secondo e terzo anno dell’Istituto tecnico tecnologico statale (Itts) ‘Alessandro Volta’ di Perugia (indirizzo Grafica e comunicazione con flessibilità sportiva) che venerdì 17 novembre hanno partecipato al convegno ‘Le nuove frontiere del web nello sport’, organizzato all’interno del planetario ‘Ignazio Danti’ dell’istituto di Piscille in collaborazione con la Scuola regionale dello sport del Coni Umbria. Per quest’ultima era presente il direttore Domenico Ignozza, presidente del Coni Umbria; a impreziosire il tavolo dei relatori anche il ‘Condor’ del Perugia dei miracoli, l’ex calciatore e allenatore Franco Vannini.

I presenti. Accanto a lui, infine, il capo redattore sportivo del Corriere dell’Umbria Luca Mercadini e il professore di Diritto dell’Itts Mario Provvidenza, responsabile del progetto che vede in questo il primo di una serie di incontri che hanno come obiettivo quello di illustrare, attraverso esperti di settore, le modalità di gestione di un progetto di comunicazione in ambito sportivo e gli strumenti digitali che possono essere utilizzati per valorizzarne le fasi: da back office, documenti e procedure, a timing operativi e gestione degli sponsor, fino ai percorsi di potenziamento delle partnership.

I temi. Gli studenti hanno potuto approfondire le tematiche attraverso il racconto dei relatori e il materiale video sulle gesta dei grandi campioni italiani di atletica, calcio, canottaggio e pallavolo, ascoltando la narrazione fatta dai cronisti della tv dell’epoca, ma anche della carta stampata, e confrontandola con quella attuale, ottenendo diversi spunti di riflessione, anche in funzione delle nuove tecnologie che oggi loro hanno a disposizione e di cui sono abili utenti.

Bisogna puntare su questi ragazzi – ha dichiarato Ignozza – che hanno scelto di seguire istituti con vocazione sportiva. Soprattutto in loro la Scuola dello sport dell’Umbria vede i futuri dirigenti e tecnici. Giovani, attualmente atleti, che saranno poi preparati a far grande questa regione dal punto di vista sportivo”.

“L’istituto ‘Volta’ – ha spiegato Provvidenza – ha attivato da tre anni un indirizzo sportivo e abbiamo stipulato una convenzione molto interessante con la Scuola regionale dello sport del Coni che prevede una serie di convegni. Siamo un istituto tecnico quindi spiegheremo agli studenti alcuni aspetti tecnici di produzione della comunicazione nella carta stampata, nella televisione e nel web. Speriamo di agganciare l’interesse dei ragazzi in un settore che secondo noi può avere una grande prospettiva di lavoro”.

Per loro, infine, è arrivata l’esortazione di Vannini, che con la bonarietà di un padre, li ha ‘bacchettati’ perché passano troppo tempo a usare gli smartphone: “Praticate lo sport perché, al di là del fatto che fa bene alla salute, ha anche un valore sociale. Vi permette di viaggiare, incontrare tante culture, stringere legami che durano anche una vita”.

 

Rossana Furfaro

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*