‘Lavora con noi’, ecco l’invito dell’Itts Volta di Perugia alle aziende

itts volta, perugia
Da sinistra Stefano Nardi, Lorena Pini, Rita Coccia e Antonio Bartolini
(umbriajournal by Avi News) – PERUGIA Industria e istruzione, due mondi la cui collaborazione si fa sempre più stretta come dimostra il workshop ‘Lavora con noi’ organizzato dall’Istituto tecnico tecnologico statale (Itts) ‘Alessandro Volta’ di Perugia mercoledì 18 gennaio al Park Hotel di Ponte San Giovanni. Un evento fortemente voluto dal dirigente scolastico Rita Coccia che ha convocato aziende, associazioni ed enti del territorio, circa 450, con cui l’istituto di Piscille si impegna, da anni, in progetti di alternanza scuola-lavoro.

Gli interventi Diversi i momenti di confronto, dalla presentazione di progetti e start-up creati in questo ultimo anno dagli studenti, passando per gli interventi dei professori coordinatori Lorena Pini e Stefano Nardi, fino alla tavola rotonda con rappresentanti dell’Università degli Studi e Università per stranieri di Perugia, Confindustria, Camera di Commercio, Confcommercio, Confartigianato, Cna, Cesvol, Croce rossa italiana, Consiglio nazionale delle ricerche, Ordine degli ingegneri e Ordine dei periti industriali.

Progetti di alternanza scuola-lavoro Il Volta, il più grande istituto tecnico dell’Umbria, con quasi 1.600 iscritti, ha previsto, fin dagli anni Ottanta percorsi formativi in azienda per i propri studenti, ancora prima che diventassero obbligatori con la legge numero 107 del 13 luglio 2015 e la riforma della cosiddetta ‘Buona scuola’. Attualmente si contano circa mille studenti che ruotano attorno a progetti di alternanza scuola-lavoro.

I numeri In particolare, l’anno scolastico 2013-2014 ne ha visti impegnati 418 tra le classi quarte e quinte di cinque indirizzi, Chimica, Materiali e biotecnologie, Elettronica, elettrotecnica, informatica e telecomunicazioni, Meccanica, meccatronica ed energia. Nel 2014-2015 si sono aggiunti anche gli studenti dell’indirizzo Grafica e comunicazione portando il numero dei partecipanti a 504, che è salito nel 2015-2016 a quota 814 tra le classi terze, quarte e quinte di ogni indirizzo. In un solo mese, poi, settembre 2016, ben 835 studenti di classi quarte e quinte hanno affrontato uno stage aziendale.

Grazie alle aziende “Vogliamo ringraziare tutte le imprese – ha dichiarato Coccia – che hanno risposto alla nostra chiamata e invitarle a rinnovare la collaborazione con l’istituto. Grazie a loro, il curriculum dei ragazzi si arricchisce di esperienze formative importanti. La presenza di rappresentanti istituzionali, poi, ci incoraggia e ci dimostra che stiamo andando nella giusta direzione”.

Alla serata hanno, infatti, partecipato anche Antonio Bartolini e Michele Fioroni, rispettivamente assessore a istruzione e diritto allo studio della Regione Umbria e assessore al marketing territoriale del Comune di Perugia.

Istruzione in Umbria è virtuosa “L’obbligo dell’alternanza scuola-lavoro – ha affermato Bartolini – è una risposta importante al problema della disoccupazione giovanile perché permette agli studenti di trovarsi un po’ più pronti nel momento in cui entreranno nel mondo del lavoro. Proprio oggi è stato presentato il Rapporto economico sociale 2016-2017 dell’Agenzia Umbria ricerche che testimonia come il sistema d’istruzione umbro sia virtuoso”.

Accogliamo talenti “Ad oggi abbiamo circa venti risorse che provengono dall’istituto – ha spiegato Anna Anchino, responsabile del personale dell’Art group, azienda di Passignano sul Trasimeno che si occupa di progettazione e produzione di sistemi elettronici – e alcuni sono dei veri e propri talenti inseriti in progetti importanti e complessi”.

Rossana Furfaro
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*