Edilizia scolastica, via libera dal Governo per 32 interventi in Umbria. Soddisfazione di Giulietti (PD)

GIAMPIERO GIULIETTI
GIAMPIERO GIULIETTI
GIAMPIERO GIULIETTI
GIAMPIERO GIULIETTI
“Con la firma del protocollo d’intesa tra Governo e Banca Europea per gli investimenti si dà concreta attuazione al piano di interventi diedilizia scolastica che ha visto per la Regione Umbria finanziati 32 progetti per un importo complessivo di 19 milioni di euro.

E’ un importante passo in avanti verso una scuola più sicura, funzionale e rispondente alle esigenze di studenti ed insegnanti”. E’ quantoaffermato dall’on. Giampiero Giulietti in merito alla firma del
protocollo d’intesa, avvenuta oggi a Palazzo Chigi, tra la Presidenzadel Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca e la Banca Europea per gliInvestimenti finalizzato al finanziamento del piano di edilizia scolastica del Miur.

“Con la firma di tale protocollo la Banca Europea per gli investimenti ha confermato la propria disponibilità a finanziare gli interventi del Piano fino ad un massimo di 940 milioni di euro, di cui 450 già firmati. – ha aggiunto l’on. Giampiero Giulietti – Il finanziamento coprirà la ristrutturazione,la messa in sicurezza, l’adeguamento alle norme antisismiche, l’efficientamento energetico e la costruzione di nuovi edifici scolastici e le risorse saranno erogate a Comuni, Province e Città Metropolitane sulla base delle graduatorie di priorità predispostedalle Regioni.

Per quanto riguarda l’Umbria, ammonta ad oltre 19 milioni di euro la prima tranche di interventi approvata dal Governo nell’ambito del Piano triennale presentato dalla Regione Umbria; si tratta di 32 progetti, presentati dagli enti locali, per lavoridi messa in sicurezza e ristrutturazione degli edifici, anche in riferimento ad opere di adeguamento sismico,efficientamento energetico e abbattimento delle barriere architettoniche. Con la firma di oggi il Governo dà un’ulteriore accelerata al processo di valorizzazione e messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico dell’Umbria e dà una risposta concreta a migliaia di studenti e alle loro famiglie”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*